Studios di Papigno, Cinecittà e Comune di Terni, verso l’accordo

 
Chiama o scrivi in redazione


Studios di Papigno, Cinecittà e Comune di Terni, verso l’accordo

Studios di Papigno, Cinecittà e Comune di Terni, verso l’accordo

© Protetto da Copyright DMCA

C’è stato un significativo passo in avanti per dirimere l’annoso contenzioso che tiene bloccato il complesso dei cosiddetti Studios di Papigno: nel pomeriggio di mercoledì a palazzo Spada il sindaco Leonardo Latini, il vicesindaco e assessore alla cultura Andrea Giuli, funzionari dell’Ufficio Patrimonio e dell’Avvocatura del Comune si sono incontrati con alcuni dirigenti e tecnici dell’Istituto Luce-Cinecittà srl che dal luglio 2017 è subentrata alla precedente società privata Cinecittà, locataria degli stessi Studios di Papigno.

“L’incontro – dice il sindaco Leonardo Latini è servito a fare il punto della situazione in maniera stringente ed è stata chiarita la volontà concreta delle parti di addivenire ad un accordo transattivo, possibilmente prima della prossima udienza di maggio presso il Tribunale di Terni. Un accordo che consenta di riconsegnare effettivamente l’intera struttura nella piena disponibilità di palazzo Spada”.

“All’incontro -dice il vicesindaco Andrea Giuli – ha fatto seguito un approfondito sopralluogo presso gli studi cinematografici di Papigno che ha permesso ai partecipanti di prendere atto della situazione degli immobili con circa 10.000 metri quadri di spazi coperti, sostanzialmente ristrutturati e fungibili”.

Sono stati, infine, presi accordi tra Comune e Istituto Luce-Cinecittà per un sopralluogo operativo a breve di tipo strettamente tecnico, alla presenza di addetti incaricati dalle parti per una verifica precisa della situazione impiantistica.

“Il confronto – conclude Andrea Giuli –  è stato franco e costruttivo, fatto di numeri e di date. È stata ribadita la ferma volontà di raggiungere un accordo in tempi auspicabilmente brevi, secondo un cronoprogramma che dovrebbe consentire al Comune di tornare nel pieno possesso dell’area”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*