Ospedale di Terni, gli effetti della riorganizzazione nel primo semestre 2018

Ospedale di Terni,  gli effetti della riorganizzazione nel primo  semestre 2018. All’ospedale di Terni l’attivazione di nuovi modelli organizzativi  ha già contribuito a ridurre in modo decisivo sia le liste di attesa chirurgiche sia i posti letto soprannumerari, con setting assistenziali più appropriati. Lo ha annunciato il Dg Maurizio Dal Maso, durante la conferenza stampa di fine semestre che si è svolta il 20 luglio. All’ordine del giorno l’andamento delle attività assistenziali, lo stato di avanzamento dei lavori strutturali e degli investimenti tecnologici, che è quasi al 70% dell’investimento complessivo programmato nel triennio 2016-2018 per circa 50 milioni di euro, e la presentazione del neo direttore dell’Oncologia medica, Sergio Bracarda. Gradita la presenza del sindaco Leonardo Latini che ha visitato insieme alla direzione aziendale il Pronto soccorso, la sala del nuovo angiografo, già insatallato, e il cantiere della sala ibrida che sarà inaugurata entro l’anno.

Primi effetti della riorganizzazione. In questi ultimi mesi l’Azienda ha accelerato la riorganizzazione dei percorsi  di cura intraospedalieri e la messa a regime di nuovi modelli organizzativi: la Centrale Unica di Ricovero, che presidia tutti i percorsi sincronizzando e visualizzando in tempo reale flussi e disponibilità dei posti letto, il nuovo modello organizzativo della Medicina d’Urgenza, che filtra gli accessi in entrata dal Pronto soccorso ai reparti, e il potenziamento della Discharge room per la pre-dimissione.  “E i primi effetti positivi  ha detto il direttore generale Maurizio Dal Maso – non si sono fatti attendere:  maggiore appropriatezza dei diversi setting assistenziali  (anche perché si usano schede di valutazione clinico-assistenziale oltre diagnosi), riduzione delle liste di attesa chirurgiche del 50% circa, a seguito dell’istituzione della preospedalizzazione centralizzatariduzione di oltre il 40% della degenza dei pazienti con insufficienza respiratoria che necessitano di ventilatore (perché un sistema di alert assicura tempestivamente la richiesta del dispositivo per la continuità delle cure in collaborazione con la USL)”. E infine una gestione dei posti letto più appropriata che in un bimestre – ha spiegato il direttore sanitario Sandro Fratini – ha prodotto una riduzione media rispetto al 2017 del 76% dei letti in appoggio in altri reparti e del 29% dei letti in corridoio.  In area medica gli appoggi medi sono passati da 21 a 9,8 ad aprile e da 23 a 8 a maggio e i letti in corridoio  sono scesi da 2,5 a 2,1 in aprile e da 5,5 a 3,5 a maggio”.  Soddisfazione è stata espressa anche per l’attività del CAD (Centro Accoglienza Disabilità), che in quattro mesi ha già preso in carico 33 persone con disabilità, di cui 3 con grave disabilità complessa nell’ambito del progetto nazionale DAMA.

Dati di attività  – In termini di attività chirurgica i dati del primo semestre non riescono ancora a raggiungere i livelli di eccellenza dello scorso anno e vedono una flessione di quasi il 5%, legata alla  carenza di anestesisti, una criticità che interessa tutte le aziende a livello regionale e  nazionale e per la quale la direzione sta studiando una serie di contromisure da attivare già nei mesi estivi. “Giova poi ricordare anche se riferito al 2017– ha aggiunto Dal Maso – un dato recente sulla mobilità attiva comunicato dall’assessorato regionale, che vede la nostra Azienda prima in Umbria con un fatturato di circa 26 milioni di euro”.

Tecniche innovative.  “L’attività dei primi sei mesi dell’anno – ha spiegato il direttore sanitario Sandro Fratini – si è caratterizzata anche per l’introduzione di alcune nuove tecniche interventistiche per i pazienti con patologie neoplastiche  epatiche e polmonari metastatizzate, che coinvolgono la gastroenterologia, la radiologia interventistica, la medicina nucleare e la radioterapia, e sono state introdotte tecniche innovative  con nuovi device e nuovi farmaci,  che solo pochi centri ospedalieri italiani stanno utilizzando”.

Investimenti tecnologici. “Prosegue  a ritmo sostenuto – ha detto il direttore amministrativo Riccardo Brugnetta – il processo di aggiornamento e potenziamento tecnologico che, tenendo conto delle attrezzature comprese negli interventi ex art. 20 della L.67/88,  già supera l’80% dell’ammontare delle acquisizioni programmate nel triennio che è circa 18 milioni di euro”.  Nel  2018, conclusa l’installazione dell’angiografo biplanare, è in fase di montaggio  la  sala ibrida, sono stati  aggiudicati il laser micropulsato e altri strumenti altamente specializzati per l’Oculistica, attrezzature e arredi per vari servizi e più di 100 letti tra degenza e terapie intensive, che si aggiungono ai 259 già acquisti. Sono in corso le procedure per l’Anatomia patologica, per il terzo acceleratore lineare ad intensità modulata e per il completamento della Radiologia, con altri apparecchi tra cui una nuova Tac in cofinanziamento con la  Fondazione Carit.

Interventi logistici e strutturaliAncora più imponente è il totale degli investimenti per opere strutturali che nel triennio arriva a 32milioni di euro, di cui quasi il 60% già conclusi o comunque avviati”. E’ quanto ha affermato il DA Brugnetta, sottolineando anche quanto sia “impegnativo realizzare una tale mole di lavori garantendo con continuità la regolare attività assistenziale e gli stessi standard qualitativi”. Ed elenca i principali cantieri del 2018: “Ultimati gli spogliatoi del personale, l’ascensore che rende autonomo il servizio TAC da accesso esterno e altre manutenzioni straordinarie,  stanno procedendo i lavori per la Sala ibrida (dal 14 giugno) e per l’adeguamento antincendio CPI del primo lotto (al 20% dell’appalto complessivo), la grande ristrutturazione della Diagnostica per immagini e Radiologia (al 50% dell’appalto principale) e l’ultima fase di sistemazione delPronto soccorso, (da metà agosto). Altri lavori già finanziati sono in fase di avvio (ampliamento Oncologia, Medicina Nucleare, Endoscopia, trasferimento TIN…) o in fase di progettazione (tra cui l’edifico di Malattie infettive e Dialisi, la sala gessi, altri adeguamenti per la sicurezza antincendio, completamento impianto di climatizzazione).

Il neo direttore dell’Oncologia medica.  È fresco di nomina e ha bisogno di poche presentazioni il nuovo direttore dell’Oncologia medica di Terni: è  il perugino Sergio Bracarda, che torna in Umbria dopo nove anni di attività in Toscana come direttore dell’Oncologia medica all’ospedale di Arezzo e del dipartimento oncologico della USL Sud-est Toscana (ex Asl 8). Consigliere nazione AIOM, membro attivo di numerose società scientifiche ed esperto di fama internazionale di neoplasie dell’apparato genito-urinario, Bracarda si interessa anche di tumori cerebrali, ricerca translazionale, biomarkers prognostici/predittivi, farmacogenomica e approcci terapeutici innovativi. 

Entrerà in servizio all’inizio di agosto, ma ha già trovato il modo di conoscere il reparto confrontandosi con i colleghi e con il Capo dipartimento Ernesto Maranzano, con cui ha condiviso un programma volto a riorganizzare in modo rapido ed efficace, in collaborazione con la Farmacia e il Laboratorio analisi, l’attività di reparto e day hospital, con particolare attenzione ai tempi e al percorso di umanizzazione e comfort, che sarà coronato nei prossimi mesi dall’ampliamento della sala di attesa e da una riorganizzazione degli spazi.  Il neo primario spingerà poi l’acceleratore su tutti gli aspetti legati all’innovazione e alla ricerca: “A questo si collega anche l’apertura entro fine anno – ha spiegato il dott. Bracarda – del Centro di studi di fase 1 su farmaci innovativi che potranno essere sperimentati su pazienti in cura a Terni.  

L’attività sperimentale di fase 1, progetto avviato da Fausto Roila, farà di Terni un centro di riferimento nazionale e, oltre alla buona pratica clinica quotidiana, consentirà di arrivare ad utilizzare farmaci altamente innovativi prima ancora che questi siano disponibili sul mercato“. Grande attenzione sarà poi riservata a nuove attività condivise con il territorio e legate a terapie di supporto e nutrizionali, valutazioni geriatriche e counseling genetico per le patologie mammaria e ovarica e non solo.

Primariati. Non si chiude la partita dei direttori di struttura complessa per l’Azienda ospedaliera di Terni, che quest’anno si è trovata a dover fare i conti con pensionamenti (Giampaolo Passalacqua) e soprattutto dimissioni per motivi personali non previste (Crescenzi, Carletti) che cambiano le priorità: nominato il nuovo direttore dell’Oncologia, sono prossimi gli esami per la direzione di Endocrinologia e Maxillo-facciale e, quindi,  OrtopediaA breve, inoltre, saranno banditi i concorsi per Pediatria,  Ostetricia e Ginecologia e a seguire  Neurochirurgia.

L’organizzazione delle attività programmate per le ferie estive è più snella, – ha spiegato la responsabile delle professioni sanitarie Agnese Barsacchi –  con meno chiusure e meno accorpamenti rispetto ad altri anni.  Il day surgery e il week surgery urologico questa estate si fermano 20 giorni ad agosto, per la fisiologica riduzione delle sedute operatorie in questo mese. Le pazienti ginecologiche vengono spostate nell’ambito di chirurgia, secondo la specificità di intervento, ma restano comunque garantite le procedure di day surgery in ginecologia (il martedì) e la neuroriabilitazione intensiva resta sempre attiva”.

Le politiche del personale. Nella migliore organizzazione delle attività nel periodo estivo incide anche il fatto che quest’anno  per ridurre le fisiologiche problematiche di carenza di personale nel periodo di fruizione delle ferie estive, la direzione aziendale a inizio giugno ha attivato un contratto per somministrazione di lavoro a tempo determinato per 15 lavoratori tra infermieri e OSS. Inoltre nell’ambito del percorso di stabilizzazione dei lavoratori precari, abbiamo già stabilizzato le prime 29 unità: 16 infermieri, 3 ostetriche e 10 medici.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*