La stracittadina Notturna di fine estate, presentata a Terni

La stracittadina Notturna di fine estate, presentata a Terni

La stracittadina Notturna di fine estate, presentata a Terni. Presentata oggi, nella sala del consiglio comunale a Palazzo Spada, la quarta edizione della Notturna di fine estate, la stracittadina in ricordo di Mauro Moroni, podista molto noto e amato in città. Hanno partecipato alla conferenza l’assessore alla Ricerca e formazione Valeria Alessandrini, l’assessore allo Sport Elena Proietti, la responsabile della Fondazione Umberto Veronesi delegazione di Terni Maria Possenti Castelli, il presidente Fiasp Giocondo Talamonti e il presidente della Ternana Marathon Club Tommaso Moroni.

La camminata e corsa ludico-motoria non competitiva, organizzata da Ternana Marathon Club in collaborazione con IoCorro, partirà da Largo Villa Glori alle 21 di venerdì 21 settembre su un percorso di 5 o 10 Km. Il ricavato della manifestazione sportiva sarà devoluto alla delegazione di Terni della Fondazione Umberto Veronesi per la ricerca.

“Ho voluto fortemente portare all’interno della casa comunale questa iniziativa – dichiara l’assessore alla Ricerca e formazione Valeria Alessandrini – per la bontà della sua natura a sostegno della ricerca e della Fondazione Umberto Veronesi.

Ricerca e prevenzione rappresentano le migliori armi per vincere il cancro. Nella ricerca oncologica, soprattutto, sono riposte le speranze di migliaia di pazienti ed è per questo motivo che non posso far altro che sottolinearne l’importanza, grazie alla ricerca, infatti, si possono dare, innumerevoli volte, risposte concrete nella lotta alla malattia che ancora oggi colpisce milioni di persone in tutto il mondo”.

“Lo sport è vita – aggiunge l’assessore allo Sport Elena Proietti – diversi studi hanno ormai dimostrato che uno stile di vita fisicamente attivo è in grado di prevenire non solo patologie cardiovascolari ma anche oncologiche e non è mai troppo tardi per iniziare, perché i benefici ci sono anche durante un percorso di cura o dopo un intervento. Fare regolarmente esercizio è un mezzo efficace per contrastare alcuni degli effetti collaterali secondari ai trattamenti.

Lo sport, quando può essere fatto, dovrebbe essere incluso come parte integrante delle cure. Fare attività motoria in questi casi fa bene due volte: a livello fisico permette di eliminare il residuo tossico delle terapie stessa, a livello psicologico fa bene perché fa sentire il malato meno invalido. Anche fare una semplice camminata permette al malato di stare in piedi e capire che ce la può fare”.

“Sport, benessere, solidarietà e un aiuto concreto alla ricerca scientifica – afferma nuovamente l’assessore Alessandrini – l’Amministrazione comunale è lieta di sostenere questo evento che coniuga molti aspetti positivi.

Complimenti agli organizzatori e a tutti coloro che intenderanno partecipare sia per prendere parte alla gara, sia per contribuire al lavoro della Fondazione Umberto Veronesi che si occupa di promuovere progetti di prevenzione ed educazione alla salute, attraverso l’erogazione di borse di ricerca, campagne di prevenzione e numerosi altri progetti volti al benessere delle persone e della società. Invito tutti i cittadini ternani a partecipare”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*