Decreto dignità e periferie: valutare effetti sul territorio, Gentiletti esprime solidarietà

Alloggi popolari Terni, la modifica specchietto per le allodole

Decreto dignità e periferie: valutare effetti sul territorio, Gentiletti esprime solidarietà. “Esprimo anzitutto solidarietà ai circa 60 lavoratori dell’ Asm e alle loro famiglie, che vedono a rischio il loro lavoro a causa del cosiddetto decreto dignità”. Lo scrive in una nota diffusa stamattina, Alessandro gentiletti, presidente del gruppo consiliare Senso Civico a Palazzo Spada. “Nell’attesa dei decreti attuativi – continua Gentiletti – mi adopereró perché sia percorsa ogni strada possibile che eviti la fine del rapporto; abbiamo il diritto di pretendere che l’amministrazione comunale faccia tutto il possibile in questa situazione e lo esigeremo”.

LEGGI ANCHE: ASM Terni e Gesenu Perugia, insieme per l’ambiente, siglato accordo

“Mi riservo invece di approfondire la questione del congelamento del piano periferie – scrive ancora il consigliere d’opposizione – sul quale non mi sono ancora espresso perché, se certamente lascia perplessa la scelta compiuta all’unanimità dal Senato, tuttavia esistono questioni giuridiche, politiche e anche tecniche progettuali che occorre analizzare, anche per decidere le azioni migliori da intraprendere con l’obiettivo di garantire fondi essenziali alla nostra realtà territoriale, la cui autonomia politica verso il governo centrale va comunque ribadita con forza, vista la preponderante presenza di forze ad esso legate sia di maggioranza che di opposizione”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*