Perugia barcolla, ma non crolla, play off, Grifo disputerà partita della vita

Perugia barcolla, ma non crolla, play off, Grifo disputerà partita della vita
Massimiliano Santopadre

La sanguinosa, bruciante sconfitta di Foggia ha ridotto di molto le possibilità dei grifoni

Perugia barcolla, ma non crolla, play off, Grifo disputerà partita della vita

elio clero bertoldi

da Elio Clero Bertoldi 
PERUGIA – Il Perugia barcolla, ma non crolla. Anzi, il Grifo affila gli artigli. La sanguinosa, bruciante sconfitta di Foggia ha ridotto di molto le possibilità dei grifoni di entrare nella griglia dei play off. Ora il destino del Perugia si consumerà tutto in 90’ nella partita interna con la Cremonese. E il futuro non sarà solo nelle sue mani. Non basterà, infatti, conquistare i 3 punti: la squadra di Nesta dovrà sperare che il recente avversario, la squadra pugliese, violi il campo dell’Hellas Verona.

Riconosce l’allenatore: “Certo le possibilità sono nettamente diminuite… Anche perché é dal 30 marzo che non facciamo bottino pieno (3 punti nelle ultime sette giornate, ndc). Evidentemente c’é qualcosa che non va. Adesso non resta che resettare tutto e ricaricarsi per la partita con i lombardi”.

La squadra, come annunciato, si è fermata a Roma – al Park Hotel Mancini con il suo centro sportivo – per allenarsi in maniera più tranquilla e serena.

“I miei – assicura il tecnico – contro la Cremonese faranno la partita della vita. D’altro canto anche allo Zaccheria non posso rimproverare nulla ai giocatori sul piano dell’impegno. Purtroppo anche in questa circostanza non siamo riusciti a finalizzare, a concretizzare le occasioni… Creiamo occasioni senza far gol e poi veniamo puniti dal primo errore difensivo… però, in questa squadra, c’é anche qualcosa di buono. Una base importante per costruire ancora, per far diventare ”tosta”, come esige il campionato di serie B, questa squadra in cui militano molti giovani.”

Forse anche le temperature allo Zaccheria (9 gradi) hanno permesso di vedere, almeno a tratti, un Perugia se non irresistibile almeno vivace, frizzante.

Purtroppo neanche per domani sarà recuperabile Federico Melchiorri: l’attaccante di maggior esperienza del settore d’attacco biancorosso, risulta out e lo resterà anche nel caso che i grifoni riuscissero ad entrare nella fase eliminatoria. A tornare disponibile sarà solo Raffaele Bianco. Marco Carraro, però, ha disputato una gara gagliarda e non sarà facile per Nesta privarsi di un interprete così forte di personalità e fisicamente

Non scioglie il tecnico le sue riserve sul futuro. Aspetterà la fine del campionato e poi deciderà, intorno ad un tavolo, con la società. Ma quello che é certo e che per lui il dado é tratto: continuerà ad allenare. Spiega: “Sono in terapia… Senza calcio vado sotto di testa. Ho bisogno del campo.” Queste sue parole vengono interpretate, da molti a Perugia, come una apertura, sia pure timida, per il rinnovo del contratto.

Insomma si tratta solo di verificare se ci sono le condizioni concrete, reali, per costruire qualcosa per il futuro. Alcuni giocatori non possono che migliorare. Le basi, dunque, si intravedono. Probabilmente anche la partita da giocare davanti al proprio pubblico, con il coltello tra i denti – é solo una metafora – dirà qualcosa pure sotto questo profilo.

Intanto il Perugia ha annunciato l’esonero del responsabile dell’area fisioterapica, Fabrizio Ragusa. E molti tifosi ci sono rimasti male, tra i primi l’ex grifone e campione del modo Marco Materazzi, con un post.

Rassegna stampa

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*