Calcio, Serie B, Perugia-Spezia 1-1, torna al goal Vido, ma non basta

Calcio, Serie B, Perugia-Spezia 1-1, torna al goal Vido, ma non basta

da Carmine D’argenio
Calcio, Serie B, Perugia-Spezia 1-1, torna al goal Vido, ma non basta
 Lo Spezia è sceso al Curi a fare il Perugia. Stavolta chi si aspettava un Grifo palleggiatore, ha trovato un Aquilotto con il 53% di possesso palla. Chi attendeva un Perugia preciso nelle linee di passaggio, si è imbattuto nei 511 passaggi liguri, che indicavano l’85% di giustezza degli stessi.

Chi sosteneva un arrembaggio del Perugia (Verre a parte nel finale), ha subito il doppio dei tiri in porta (6 su 3) di marca ospite. Che ha anche portato i suoi giocatori ben 10 volte dal tiro alla bandierina. Gara sin da subito esuberante.

Le squadre si fronteggiano senza eccessivi fronzoli. A badare per primo al sodo è Vido,  che al 18′ da sinistra avvita la torsione con sfera che sfila in rete. Prima ancora di batter Lamanna, esiziale il mancato intervento del duo Terzi-Capradossi. I ragazzi di Marino impiegheranno quasi lo stesso tempo per riprendersi dal duro colpo. Il pari arriva infatti al 22′ della ripresa. Pierini inventa per Okereke, che cuce per il destro di Gyasi che stolkerizza Gabriel. Quest’ultimo al 26′ ripete il consueto ‘paratone’ salva partita. Come già a Lecce,  toglie la più classica delle palle destinate al sette, nell’occasione a Pierini. Dal 33′ al 95′ il meglio culmina nel finale travolgente. Tre minuti dopo la mezz’ora è Lamanna ad anticipare provvidenzialmente Vido.

Al 38′ il miglior in campo Lamanna non è da meno al suo omologo dirimpettaio nella salvaguardia del match, quando dice no al tiro quasi a botta sicura da appena fuori di Verre. Primo dei cinque di recupero,  ed è Bartolomei a sfiorare l’impresa. Ancora una deviazione, questa volta inopinata della testa di Dragomir, ad impedire l’alterazione del risultato al triplice fischio finale.

L’1 a 1 non amplia la conclusione di domenica scorsa in terra pugliese. Il Perugia con altro x in ‘bolletta’, non riempe e non svuota il suo bicchiere mezzo pieno. Nel prossimo turno si recherà visita alla difesa meno battuta del campionato: quella del Cittadella.

L’odierno pareggio ad Ascoli su rigore, sancisce il decimo risultato utile consecutivo. Il primo a guardare avanti è mister Nesta.  Per sua stessa ammissione,  una contesa quest’oggi non all’altezza dello standard cui anela il Grifo, ma si punta al recupero di Melchiorri ed al ritrovamento del guizzo di Han. Per affilare le armi in più per combattere avversari anche non andando per forza a mille all’ora. La vera preoccupazione di fondo di chi guida la macchina biancorossa.

PERUGIA: Gabriel, Mazzocchi (60′ Falasco), Gyomber, El Yamiq, Ngawa, Dragomir, Bianco, Kingsley, Verre, Han (70′ Melchiorri), Vido. Allenatore: Nesta.

SPEZIA: Lamanna, Vignali (60′ De Col), Terzi, Capradossi, Augello, Mora, Ricci, Bartolomei, Gyasi, Okereke (46′ Gudjohnsen), Pierini (89′ Bastoni). Allenatore: Marinlo.

ARBITRO: Aureliano di Bologna.

MARCATORI: 18′ Vido, 67′ Gyasi.

AMMONITI: Han, Vignali, Capradossi, Terzi.

RECUPERO: 1′ (pt), 5′ (st).

Commenta per primo

Rispondi