Calcio, Perugia, la doppietta dell’ex Diamanti non ferma i grifoni

 
Chiama o scrivi in redazione


Calcio, serie B, verso Perugia-Salernitana, domenica al Curi

da Carmine D’Argenio
Calcio, Perugia, la doppietta dell’ex Diamanti non ferma i grifoni
Il Perugia, sceso in campo all’Armando Picchi di Livorno con Gabriel tra i legni, Mazzocchi in luogo di Ngawa che non c’è l’ha fatta, Gyomber e Cremonesi coppia centrale, Falasco che a sinistra prova a riportare colpi mancini agli avversari (in occasione del goal subito lo tira ai suoi, salvo poi propiziare il rigore del ribaltamento del risultato trasformato da Vido), Bianco vertici basso, Verre alto, Dragomir e Kingsley dirimpettai in mediana, Vido e Melchiorre a cercarsi li davanti, gioca per la continuità contro un Livorno schierato con Mazzoni a difesa dei pali, Di Gennaro a segno contro la Salernitana a meritarsi la conferma in difesa al fianco di Dainelli e Gasbarro, Pedrelli, Capitan Valiani, Bruno, Porcino e l’onnipresente Agazzi il quintetto di centrocampo, Diamanti a completare il 3-5-1-1 dietro Raicevic.

Nei primi secondi, i toscani cercano il lancio lungo proprio per il terminale offensivo. Dainelli a cercare chiusure preventive su Verre (che in occasione del pareggio subito non è esente da colpe, ma si fa perdonare con la seconda marcatura in due partite). Tentativo:  evitare gli inneschi. Dall’altro lato, non viene fatto lo stesso su Diamanti quando dopo cinque minuti gli si offre campo per un tagliato non raccolto dai compagni. La prima parata è però di Mazzoni. Arriva al 9′ di piede a deviare l’insidia apportata con ‘sventola’ da fuori da Melchiorri.

Il Perugia passa al 13′ con Melchiorri che al secondo tentativo fa centro. Azione prolungata di un arrembante Vido. Non altrettanto può dirsi dei difendenti. L’attaccante ormai completamente ‘sbloccato’ indirizza facile facile in porta. Ma gli amaranto non ci stanno a questo indirizzo impresso,  e subito dopo al 14′ creano la loro occasione con Diamanti che grazie alla sponda di Raicevic, impegna severamente di prima intenzione Gabriel. Goal spostato al 33′. Diamanti riceve a centro area da Agazzi una palla da gioco da ragazzi per uno come lui. Superato Gabriel. Così come al 39′ su rigore.

Lo guadagna Agazzi in duello con Gabriel. Lo batte Diamanti e la premiata ditta casalinga regala il 2 a 1 all’ingresso negli spogliatoi. Secondo tempo con Perugia che all’8′ si riporta sul pari con Verre lasciato solo al centro dell’area su suggerimento di Melchiorri. Ed al 32′ nuovamente in vantaggio su rigore. Cross dalla sinistra di Falasco e Dainelli ad intercettare di mano. Vido non sbaglia dal dischetto. Al seguito del goal, viene anche espulso Mazzoni per proteste.

Al 91′ l’autore del goal vittoria Luca Vido si dice convinto che così come devono attaccare con più uomini, allo stesso modo per difendere meglio debbano farlo con più uomini. “Più efficaci delle altre volte. Matureremo nella gestione.” Dal punto di vista personale il giocatore è tranquillo nell’avere il trequartista alle spalle,  piuttosto che esser lui a dover occupare anche quello spazio, quel ruolo e quelle mansioni.

Tabellino di Livorno – Perugia

LIVORNO (3-5-2): Mazzoni; Di Gennaro M., Dainelli (dal 32′ st Zima), Gasbarro; Pedrelli, Valiani, Bruno, Agazzi, Porcino (dal 23′ pt Fazzi); Diamanti, Raicevic (dal 25′ st Murilo). A disposizione:Soumaoro, Koazk, Maiorino, Gonnelli, Bodgan, Rocca, Parisi, Maicon, Albertazzi. Allenatore: Lucarelli

PERUGIA (4-3-1-2): Gabriel; Mazzocchi, Cremonesi, Gyomber, Falasco; Kingsley (dal 42′ st Mustacchio), Bianco (dal 25′ st Moscati), Verre; Dragomir; Vido, Melchiorri. A disposizione: Sgarbi, El Yamiq, Felicioli, Kouan, Ranocchia, Bordin, Biachimano, Terrani, Perilli, Leali. Allenatore: Nesta

Reti: al 13′ pt Melchiorri, al 32′ pt Diamanti, al 40′ pt Diamanti (rigore), al 7′ st Verre, al 30′ st Vido (rigore)

Ammonizioni: Raicevic, Valiani, Vido, Mazzoni, Gasbarro, Verre, Falasco

Espulso al 31′ st Mazzoni, al 34′ st Pecchia dalla panchina

Recupero: 2 minuti nel primo tempo, 5 minuti nella ripresa

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*