Calcio, Cesena killer allo stadio Curi, Perugia, brutta figura

 
Chiama o scrivi in redazione


Calcio, Cesena killer allo stadio Curi, Perugia, brutta figura

Calcio, Cesena killer allo stadio Curi, Perugia, brutta figura

di Elio Clero Bertoldi
PERUGIA – Il Cesena, alla prima vittoria, sale in paradiso, il Perugia, alla prima sconfinta interna, precipita all’inferno. le belle impressioni che i biancorossi avevano messo in mostra ad Arezzo sono svanite al Curi, dove hanno pesato, oltre ad una evidente stanchezza fisica, pure una serie di colpevoli errori individuali in particolare in difesa.
E così William Viali, ex difensore perugino più di tre lustri or sono, esce dal Curi con tre punti importanti. Tra le due “nobili decadute” dalla serie A, chi gioisce l’undici romagnolo. Caserta presenta una sola novità: Sounas dall’inizio (con Falzerano in panchina) piazzando Dragomir nel ruolo di esterno a supporto di Murano e Melchiorri. I romagnoli  – privi di Munari squalificato e di Adizzone infortunato – si presentano con Longo esterno difensivo e con Capellini in mediana. Caturano si muove come sempre da punta avanzata.
La prima azione, dopo 45″, i romagnoli si fanno pericolosi con Collocolo: la difesa dorme, tuttavia l’esterno butta via l’occasione calciando altissimo. Pressing alto, aggressività, intensità sono le armi degli ospiti. I biancorossi si affidano alle individualità. Rare. Fiammata all’11’ quando Murano vaio gol, l’attaccante però viene sorpreso in fuorigioco. Insistono i padroni di casa su punizione di Dragomir: il colpo di testa di Melchiorri, scheggia la traversa. Il Perugia passa con Murano che sfrutta una leggerezza dei due centrali avversari e gonfia la rete. Ma ecco, immediata la doccia fredda: su un retro passaggio harakiri di Angella, novellino nella circostanza e Caturano fredda Fulignati.
In una delle isolate azioni sulla sinistra, Crialese serve un cross sul secondo palo e Kouan incorna a lato. Fulignati, dal canto suo, si salva su punizione di Petermann. Il Cesena, all’intervallo, si lascia preferire come gioco di squadra, compatto in difesa e rapido a riproporsi in attacco, al contrario del Perugia che si affida piuttosto agli spunti delle individualità.
Caserta manda in campo Elia per Dragomir, Bianchimano per Sounas e più tardi Minesso per Melchiorri e passa al 4-2-4. Tuttavia i ruolimin campo non cambiano ed é il Cesena a trovare il raddoppio su punizione di Petermann: Murano per anticipare di testa un avversario, gela il proprio portiere. Burrai su punizione chiama Satalino alla respira di pugno. Non é la sera giusta per i biancorossi che non trovano il gioco e la porta avversaria e rischiano di subire ancora il gol.
Dopo tre giornate un pareggio e una sconfitta interne e una vittoria lontano da casa: quattro punti che fanno suonare un campanellino d’allarme. É ancora presto per fornire giudizi ponderati, ma certo “j atti ‘nen belli”…
Ed i tifosi, al,fischio finale, hanno esposto un. Nuovo striscione contro Il patron: “Santopadre vattene”.
Perugia-Cesena 1-2 
PERUGIA (4-3-3): Fulignati 6; Rosi 6 Angella 5.5 Negro 5.5 Crialesi 6; Kouan 6 Burrai 6 Sounas 5.5 (11′ st Bianchiamano 6); Dragomir 5.5 (1′ st Elia 6) Murano 5 Melchiorri 6 (25′ st Minesso 6). A disp.: Baiocco, Favalli, Sgarbi, Lunghi, Moscati, Falzerano, Tozzuolo, Cancellotti, Regen. All.: Caserta 5.5
CESENA (4-3-1-2): Satalino 6; Longo 6 (15′ st Gonnelli 6) Ricci L. 5.5 Ciofi 5.5 Favale 6; Collocolo 6 Petermann 6.5 Capellini 6 (25′ st Steffé 6); Bortolussi 6 (32′ st Sala 6) Caturano 6.5 Russini 6 (15′ st Zecca 6). A disp.: Bizzini, Nardi, Maddaloni, Aurelio, Capanni, Nanni, Koffi, Campagna. All.: Viali 6.5.
ARBITRO: Perenzoni di Rovereto 6.
Guardalinee: Testi-Lencini.
Quarto uomo: Centi.
MARCATORI: 18′ pt Murano, 19′ pt Caturano, 20′ st Murano (aut)
ESPULSO:
Ammoniti: Capellini (C), Kouan (P), Dragomir (P), Petermann (C)
NOTE: Serata serena, ma fredda. Ang.: 5-4 per il Perugia. Rec.: 1′ pt, 5′ st.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*