Riapertura a pieno regime degli uffici postali in Umbria, boom di firme nella petizione cartacea e online

Riapertura a pieno regime degli uffici postali in Umbria, boom di firme nella petizione cartacea e online

Riapertura a pieno regime degli uffici postali in Umbria, boom di firme nella petizione cartacea e online

“L’emergenza c’è stata, ma dovrebbe essere temporanea e non stabile, altrimenti non è più un’emergenza, diventa un disservizio e un disagio alla popolazione”. Sono le parole del 72enne Enzo, un residente di Capanne, località di Perugia, che interviene in merito alla situazione degli uffici postali, ancora non aperti a pieno regime dopo emergenza covid.


di Augusto Peltristo,
Civica Piegaro e portavoce Comitato Pievaiola


“A causa del covid molti uffici postali sono stati chiusi, ma adesso è arrivato il momento di riportare tutto alla normalità, con gli orari di sempre – dice il signor Enzo -. Io vado per vicinanza alle poste di Castel del Piano, ma spesso ci sono file e lungaggini e allora mi rivolgo a Mugnano, ma anche lì ci sono dei fastidi, soprattutto in estate, quando è chiuso a giorni alterni”.

  • Enzo è uno di quelli che ha firmato

Il signor Enzo è uno di quelli che ha firmato la petizione, partecipando alla raccolta firme. La petizione avviata alla fine di giugno da Augusto Peltristo, con la Civica Piegaro e il Comitato Pievaiola, ha raggiunto le 4mila firme cartacee e quasi le 400 online sulla piattaforma Change.org  dove è possibile ancora firmare.

 

  • Riduzione dei giorni di apertura

“La riduzione dei giorni di apertura degli uffici postali – esordisce Augusto Peltristo – crea negli unici aperti pericolosi assembramenti e quindi un pericolo reale per la salute e poi costringe a lunghe interminabili file agli utenti che sono costretti a sostare all’esterno dell’edificio, sia con il caldo sia con il freddo”.

Lunghe file alle Poste di Castiglione della Valle, aperto un giorno a settimana 🔴 📸 FOTO E VIDEO

“Il problema della chiusura di molti uffici operata da Poste è molto sentito – dice Peltristo -, perché provoca disagi e disservizi a tanti cittadini e causa difficoltà negli spostamenti. La raccolta firme ha l’intento di persuadere in modo deciso la Direzione di Poste Italiane nella riapertura a pieno regime degli uffici postali in tutta la regione Umbria.

  • Mettere la firma a questa petizione

“Mettere la firma a questa petizione – continua Peltristo – vuol dire riaffermare il diritto ad esigere servizi essenziali nei propri Paesi e ribadire con forza che la volontà popolare può prevalere sulla logica del profitto”.

2 Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*