Marscianesi indisciplinati, assembramento in cortile, sindaco Francesca Mele, è gravissimo

 
Chiama o scrivi in redazione


Marscianesi indisciplinati, assembramento in cortile, sindaco Francesca Mele, è gravissimo

Marscianesi indisciplinati, assembramento in cortile, sindaco Francesca Mele, è gravissimo

Un nuovo, inaccettabile, episodio di violazione delle norme per il contenimento della pandemia da coronavirus ha coinvolto, a Marsciano,alcune persone che si sono riunite, nella serata di venerdì 17 aprile, in un cortile condominiale per un incontro conviviale con cibo e musica.

Quanto accaduto è stato portato all’attenzione del Comune dalle stesse Forze dell’ordine che sono intervenute mettendo fine all’assembramento in corso e procedendo all’identificazione delle persone presenti al fine di comminare le sanzioni previste dalla legge.

“Ferme restando le sanzioni e gli ulteriori accertamenti che si riservano le autorità di pubblica sicurezza intervenute – spiega il sindaco Francesca Mele – il Comune di Marsciano attiverà tutte le opportune iniziative necessarie a tutelare la salute dei cittadini. Ancora una volta siamo di fronte ad un comportamento gravemente irresponsabile e in nessun modo tollerabile. Evidentemente, a dispetto dei sacrifici che la popolazione è chiamata a fare e dei morti che continuiamo a piangere, c’è ancora qualcuno che crede di potersi comportare come se nulla fosse, mettendo a rischio la vita degli altri. Agiremo, quindi, con il massimo rigore”.

Il Comune ricorda a tutti i cittadini che le norme restrittive per l’emergenza coronavirus sono tutte ancora in vigore. E sarà così almeno fino al 3 maggio. Dobbiamo continuare a restare a casa. Ogni violazione sarà perseguita a norma di legge e, per quanto possibile, saranno ulteriormente intensificati i controlli sul territorio, per evitare che si ripetano episodi proprio come quest’ultimo, che rischiano di vanificare il lavoro e i sacrifici fin qui fatti e i risultati, in termini di contenimento della diffusione del virus, che hanno prodotto.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*