Giornata internazionale delle persone con disabilità

 
Chiama o scrivi in redazione


Bonus spesa, i soldi non bastano per coprire tutte le richieste
Edi Cicchi

Giornata internazionale delle persone con disabilità

l tema della Giornata Internazionale di quest’anno è: “Building Back Better: toward a disability -inclusive, accessible and sustainable post COVID-19 World (Ricostruire meglio: verso un mondo post COVID-19 inclusivo della disabilità, accessibile e sostenibile).

© Protetto da Copyright DMCA

Il Comuni di Perugia e di Terni, capofila rispettivamente della Zona Sociale 2 e della 10, accogliendo le sollecitazioni delle associazioni aderenti alle due federazioni regionali FISH e FAND, hanno inteso fissare per la giornata del 3 dicembre un confronto operativo on line“riservato alle parti coinvolte” con cui celebrare la Giornata internazionale delle Persone con disabilità proclamata nel 1981 e con lo scopo di dare concreta attuazione a quei diritti che dal 2006 la Convenzione sui diritti delle persone con disabilità , ha sancito ribadendo il principio di uguaglianza e la necessità di garantire loro la piena ed effettiva partecipazione alla sfera politica, sociale, economica e culturale della società.

Giovedì 3 dicembre saranno due gli appuntamenti on line, in continuità l’uno con l’altro, il primo a Perugia alle 15 e a seguire quello di Terni alle 16,30, entrambi con l’obiettivo di fissare un punto di partenza per Politiche sulla disabilità fondate sulla comune volontà di condividere una analisi di quello che c’è e per definire in maniera partecipata cosa è prioritario e come operare nei prossimi mesi ed anni.

La Convenzione, ratificata in Italia con legge n.18 del 3 marzo 2009, non riconosce “nuovi diritti” per le persone con disabilità, ma costituisce lo strumento per garantire in modo effettivo l’uguale e pieno godimento dei diritti umani e delle libertà fondamentali e per tale ragione l’esperienza e la consapevolezza delle associazioni che rappresentano ed operano per la tutela delle persone con disabilità rappresentano una risorsa preziosa ed irrinunciabile per ogni Amministrazione che intenda garantire i diritti fondamentali a partire dalla definizione condivisa e la messa in pratica di politiche pubbliche appropriate.

Dovrebbe essere obiettivo comune quello di definire ed adottare in maniera appropriata, equa e trasparente ogni misura necessaria per garantire ad ognuno di realizzare gli obiettivi di un proprio progetto di Vita, consentendo di identificare ed eliminare tutti quegli ostacoli che limitano attività e partecipazione e avendo l’opportunità di vivere in modo indipendente e pieno tutti gli aspetti della vita personale e sociale.

I due incontri di Perugia e Terni saranno quindi occasione per definire quali sono e come dovrebbero essere difesi i diritti conquistati, che oggi a causa del COVID le persone rischiano di vedere compromessi, e per creare, sin da ora, anche le condizioni necessarie per guardare oltre l’attuale emergenza ed avviare in maniera organica e permanente il ricorso ad uni confronto strutturato attraverso l’istituzione di apposti Tavoli di lavoro Tematici (Vita Indipendente e Inclusione, Istruzione e Occupazione, Accessibilità e Mobilità, Salute e Ri-Abilitazione…) con l’obiettivo di avanzare proposte proposte concrete, appropriate e sostenibili, necessarie per la definizione di un prossimo Piano d’Azione per le Politiche sulla disabilità.

“Questo Assessorato è da sempre sensibile al tema della disabilità e delle pari opportunità ad esso connesse” dichiara Edi Cicchi, Assessore alle Politiche Sociali, Famiglia, Diritto alla Casa, Pari opportunità e Servizi civici del Comune di Perugia. “Già dal 2015, con apposita delibera di Giunta, abbiamo avviato dei tavoli interni ed anche interistituzionali, con Associazioni ed altri enti per favorire la creazione di un percorso di lavoro comune ed inclusivo di tutte le istanze”- prosegue Cicchi- “una disponibilità all’ascolto doverosa e che ha come obiettivo di tutti quello di individuare le azioni prioritarie e promuovere politiche sempre più inclusive”.

“La pandemia ha posto le persone con disabilità e le loro famiglie di fronte a nuove sfide, nuovi percorsi certamente non semplici da percorrere ma che siamo pronti ad affrontare di fianco a loro, con tutti gli strumenti che saremo in grado di mettere in campo” ha concluso l’Assessore.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*