Santa Maria Assunta in Monteluce, Sarah Bistocchi, ciao Giovanna sei stata un faro per noi

Santa Maria Assunta in Monteluce, Sarah, ciao Giovanna sei stata un faro per noi

di Sarah Bistocchi
Credo che oggi, nella Chiesa di Santa Maria Assunta in Monteluce appena riaperta, tutti conoscessimo Giovanna. Sicuramente alcuni da più tempo di me. E ciò nonostante io ho avuto una fortuna. E cioè quella di entrare in contatto con l’aspetto di lei più vero, più forte. Quello del saper stare insieme e del trasformare un territorio in una comunità. Una comunità di uomini e donne che lavorano insieme, fianco a fianco, e che crescono insieme, anno dopo anno. Quei giovani uomini e quelle giovani donne sono diventati padri e madri, e poi nonni e nonne.

Per molti, un po’ anche per me. Un punto di riferimento sociale, aggregativo, personale, umano.  Anche questa è famiglia. Una famiglia allargata.

Giovanna e Alberto mi hanno insegnato molto: mi hanno insegnato che è possibile tra generazioni diverse trovare un punto d’incontro e lavorare insieme, se l’obiettivo è il bene del quartiere; mi hanno insegnato che è possibile fidarsi, i giovani dei meno giovani e viceversa. Ecco forse la cosa che più mi colpì di quel gruppo di non più giovani che ho conosciuto a Sant’Erminio ormai dieci anni fa: la semplicità con cui hanno accordato fiducia alle nuove generazioni, la generosità con cui sono sempre stati pronti a rendere possibili momenti di aggregazione, di approfondimento o di festa.

Leggi anche – Riaperta la storica chiesa Santa Maria Assunta a Monteluce

Io credo che un territorio stia insieme se si riconosce intorno a dei luoghi, e la Chiesa di Monteluce è uno di questi, e intorno a delle persone. Giovanna non ha fatto la storia del nostro quartiere; Giovanna è un pezzo di storia del nostro quartiere. E la storia non si dimentica, ma si commemora, si porta dentro mentre si va avanti. Perché da soli si va più veloce, ma insieme si va più lontano.

Grazie per l’esempio che ci avete dato, ne sarà valsa la pena.

Commenta per primo

Rispondi