Assessore Pastorelli e giostrai incontrano i ragazzi dei centri per persone con disabilità

Una giornata speciale al luna park

Assessore Pastorelli giostrai incontrano ragazzi centri persone disabilità

Assessore Pastorelli e giostrai incontrano i ragazzi dei centri per persone con disabilità

E’ stata una mattinata emozionante, toccante e speciale quella che si è vissuta il 19 ottobre  presso il luna park di Perugia.

All’interno degli storici “Baracconi”, attrazione da sempre amata dai perugini, l’assessore allo sport e commercio del Comune di Perugia Clara Pastorelli ed i giostrai hanno incontrato i ragazzi dei centri per persone con disabilità. Presenti tra gli altri: il centro Don Guanella, la Comunità Capodarco di Perugia, la Comunità Capodarco dell’Umbria, Villa Nazarena, il Centro Speranza.


Fonte: Comune di Perugia


I giovani, entusiasti per l’esperienza, hanno potuto vivere una mattinata di gioia all’interno delle attrazioni, sfidando anche i giochi più “spericolati”.

“E’ stata davvero una bella giornata – commenta l’assessore Clara Pastorelli – trascorsa insieme ai ragazzi, uno di quei momenti di gioia che riempiono il cuore. A nome di tutta l’Amministrazione comunale di Perugia vorrei ringraziare i tanti giovani che hanno partecipato per averci donato sorrisi ed allegria, ma anche gli esercenti che, come da tradizione consolidata, si sono messi a disposizione per regalare agli ospiti un momento di splendida socialità”.

Il luna Park, con le sue oltre 120 attrazioni, rimarrà a Pian di Massiano fino al 7 novembre salvo eventuale proroga fino al 14 novembre.

“L’Amministrazione comunale – conclude l’assessore Pastorelli – sta valutando con attenzione questa opportunità di proroga che può rappresentare un modo per andare incontro alle necessità dei titolari delle attrazioni tra i più colpiti e penalizzati dalla pandemia.

Questo prolungamento potrebbe fornire lo spunto, peraltro, per dedicare ulteriori giornate sia alle persone fragili che maggiormente hanno sofferto gli effetti delle restrizioni, sia a quelle che sono state in prima linea (operatori sanitari, ecc.) nella battaglia contro il covid-19”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*