Umbria inserita tra le sole 4 aree del Paese “a basso rischio” Covid

Monoclonali, 5 i pazienti sottoposti a trattamento a Perugia

Umbria inserita tra le sole 4 aree del Paese “a basso rischio” Covid

L’Umbria inserita questa settimana tra le sole quattro aree del Paese “a basso rischio” per il Covid “è un riconoscimento all’impegno dei cittadini, al lavoro fatto dal personale sanitario e anche alla programmazione messa in atto dalla Regione”. Lo ha sottolineato l’assessore umbro alla sanità Luca Coletto. Il quale però, parlando con l’Agenzia nazionale di stampa associata, avverte: “guai ad abbassare la guardia”.

“I numeri ci stanno dando ragione – ha spiegato Coletto – e testimoniano non solo una gestione attenta della pandemia ma anche delle vaccinazioni per quali la celerità è stata importante ma non è tutto. E’ stato importante che la somministrazione delle dosi sia stata mirata a quelle che sono state via via le indicazioni del Ministero della Salute”.
L’assessore ha quindi ricordato “l’attenzione ad anziani, fragili e vulnerabili” nella campagna di immunizzazione.

Per Coletto un ruolo fondamentale nel contenere il virus lo hanno avuto anche “le attività passive come l’uso delle mascherine quando necessario, il lavaggio delle mani e l’attenzione al distanziamento”. “Comportamenti virtuosi – ha aggiunto – che ci dovranno accompagnare ancora per un pò. Perché il Sars-CoV-2 è destinato a trasformarsi in endemico”.
L’assessore ha poi invitato ad alzare ulteriormente l’attenzione in vista della ripresa delle scuole. “Siamo anche in attesa – ha spiegato – delle indicazioni ministeriali sui test salivari”.

 
Chiama o scrivi in redazione


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*