Ospedale Terni, stabilizzazione precari e assunzioni per ferie estive

 
Chiama o scrivi in redazione


Ospedale Terni, stabilizzazione precari e assunzioni per ferie estive

Ospedale Terni, stabilizzazione precari e assunzioni per ferie estive –  L’Azienda ospedaliera Santa Maria di Terni procede con la stabilizzazione del personale precario, in applicazione dell’accordo siglato il 23 aprile con le Organizzazioni sindacali della dirigenza e del comparto, e assume anche nuovo personale a tempo determinato per far fronte alla fisiologica carenza di personale che si aggrava nel periodo estivo.

LEGGI ANCHE: Accordo per i precari della sanità, sindacati: “Risposta significativa”

Per quanto riguarda i lavoratori precari, in questa prima fase sono state stabilizzate 29 unità di cui 16 infermieri, 3 ostetriche e 10 dirigenti medici. Il percorso di stabilizzazione proseguirà poi, come definito nell’accordo regionale, con l’individuazione di ulteriori lavoratori che abbiano ugualmente maturato i requisiti previsti dalla vigente normativa in materia, anche valutando i servizi prestati in altre aziende del SSN, e per i quali quindi si sta procedendo ai dovuti accertamenti.

Contestualmente, per ridurre le fisiologiche problematiche di carenza di personale nel periodo di fruizione delle ferie estive, la direzione aziendale ha attivato un contratto per somministrazione di lavoro a tempo determinato utilizzabile fino a un massimo di 15 lavoratori, di cui 10 lavoratori  già  in servizio dal 4 giugno (7 infermieri e 3 operatori sociosanitari).

Accogliendo le esigenze espresse anche dai sindacati – spiega il direttore generale  Maurizio Dal Maso – queste ulteriori assunzioni a termine ci consentiranno di garantire ai lavoratori la fruizione delle ferie estive, in ottemperanza alle disposizioni contrattuali e al piano ferie programmato, e ai pazienti gli stessi standard di qualità delle prestazioni sanitarie, e rappresentano un ulteriore passo in avanti, anche rispetto a quanto fatto negli anni precedenti, per coniugare le esigenze primarie dei pazienti con le altrettanto lecite aspettative del personale aziendale”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*