NurSind Umbria, mancano guanti, conto covid infermieri in crisi, la lettera

Mancanza che sta portando il personale a razionalizzare le poche quantità rifornite

 
Chiama o scrivi in redazione


NurSind Umbria, mancano guanti, conto covid infermieri in crisi, la lettera

NurSind Umbria, mancano guanti conto covid infermieri in crisi, la lettera

Con una lettera inviata ai massimi responsabili della Direzione Aziendale della Asl Umbria 1, ai Responsabili dei Servizi Territoriali ed ospedalieri dell’Area del Trasimeno ed al Presidente della Giunta dell’Unione dei Sindaci del Trasimeno, NurSind ha voluto segnalare la grave carenza di un dispositivo di protezione individuale indispensabile per il personale sanitario, ossia i guanti monouso. Mancanza che sta portando il personale a razionalizzare le poche quantità rifornite (con il rischio conseguente di propagare infezioni ospedaliere) ed in alcuni casi a fare una raccolta fondi tra il personale stesso per comprarseli in autonomia. Una situazione grave che sta diventando intollerabile e che presumibilmente non riguarda solo quell’area, dalla quale NurSind ha ricevuto segnalazioni, ma tutta la Asl Umbria 1.

  • Qui di seguito il testo della lettera.

© Protetto da Copyright DMCA

“NurSind in queste settimane sta ricevendo numerose segnalazioni dal personale sanitario, principalmente quello infermieristico, sulla grave ed ingiustificabile assenza di guanti monouso nei servizi e nelle strutture in oggetto.Ci riferiamo in particolare a tutti i CDS e servizi di ADI del Trasimeno, RSA di Città della Pieve, P.O. Passignano s. T. e al Centro Ospedaliero di Riabilitazione Intensiva di Passignano s. T.

Il personale,in molti casi, è talmente provato dalla mancanza di un presidio così indispensabile (per lo svolgimento di innumerevoli attività assistenziali ed alberghiere) da vedersi costretto a fare una raccolta fondi tra gli stessi operatori per acquistarli in autonomia.Reputiamo il mancato rifornimento di guanti da parte di una Azienda Sanitaria al proprio personale assolutamente inaccettabile ed intollerabile, tanto più in regime di emergenza pandemica.

NurSind ha da sempre cercato di sensibilizzare il personale sanitario ad un uso responsabile e parsimonioso dei DPI, guanti compresi, ma da usarli con parsimonia a non averli a disposizione il passo è notevole.

Chiediamo quindi alla Direzione della Ausl Umbria 1 di provvedere immediatamente alla fornitura di guanti monouso, in quantità e tipologia idonea da non lasciare mai il personale sanitario sprovvisto di questo dispositivo di protezione individuale.

Il dipendente che, in mancanza di tale presidio, si trovi nella condizione di doversi esimere dallo svolgimento di manovre assistenziali potenzialmente contaminanti (manovre assistenziali quali prelievi di campioni biologici, aspirazione secreti e liquidi biologici, procedure di igiene personale anche intima, manipolazione presidi contenenti liquidi biologici come drenaggi chirurgici e sacche raccolta urine, manovre non sterili di posizionamento device, rimozione medicazioni sporche, gestione LDP, smaltimento rifiuti e biancheria sporca, mobilizzazione del paziente, ecc.) DEVE essere esonerato da qualsivoglia responsabilità derivante da un obbligo normativo non rispettato da parte Vostra, ovvero il fornire di adeguati DPI i Vostri dipendenti esposti a rischio lavorativo e professionale.

  1. Qualora la nostra segnalazione non venga raccolta, invieremo nei tempi e nei modi opportuni apposita denuncia agli organi competenti per tramite del nostro uffico legale.”
  • La Segreteria Territoriale NurSind – Il Segretario Erozzardi Marco

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*