Covid, Umbria, varianti stanno sostituendo ceppo iniziale del coronavirus

La Regione sta ora aspettando i risultati relativi ad altri 114 tamponi

 
Chiama o scrivi in redazione


Covid, Umbria, varianti stanno sostituendo ceppo iniziale

Covid, Umbria, varianti stanno sostituendo ceppo iniziale del coronavirus

“Ci troviamo di fronte ad una incidenza delle varianti molto significativa che evidenzia come queste stiano sostituendo il ceppo originario”: lo ha detto il direttore della Salute della Regione Umbria, Claudio Dario, durante la conferenza stampa settimanale relativa all” andamento della pandemia. Dopo la conferma da parte dell” Istituto Superiore di Sanità (Iss) di 63 casi totali causati da varianti, 41 dalla brasiliana e 22 dall” inglese, sui 77 campioni inviati, la Regione sta ora aspettando i risultati relativi ad altri 114 tamponi, attesi nel fine settimana.

Stiamo parlando comunque già di percentuali alte” ha commentato Dario. “Quello fatto – ha aggiunto – è un campionamento statistico. Sono stati presi dei tamponi non solo in ambito ospedaliero ma in modo che il risultato potesse essere più rappresentativo possibile della popolazione umbra. I campioni analizzati e da analizzare ancora provengono dai diversi laboratori e dai diversi territori come prelievi”.

Scarica andamento epidemia in pdf
© Protetto da Copyright DMCA

Dagli studi dei cluster e del sequenziamento, ha poi spiegato il commissario per l” emergenza Covid Massimo D” Angelo, si stanno cercando di fare tutti gli accertamenti e le mappature per ritrovare l” origine delle due varianti in Umbria. “Rispetto al virus iniziale – ha sottolineato – è ora più complesso risalire al cosiddetto ” paziente zero” per le due varianti”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*