Covid: Garattini (Mario Negri), ‘stop AstraZeneca atto dovuto’

Considerare rapporto benefici-rischi, con vaccino subito non avremmo avuto 100mila morti

 
Chiama o scrivi in redazione


Covid: Garattini (Mario Negri), 'stop AstraZeneca atto dovuto'

Covid: Garattini (Mario Negri), ‘stop AstraZeneca atto dovuto’

“La sospensione temporanea della vaccinazione, di fronte a questi fatti, è un atto dovuto, per ragioni precauzionali. Ci sono le commissioni che valuteranno e io penso che in 4-5 giorni avremo una risposta”. Lo ha dichiarato Silvio Garattini, fondatore e presidente dell’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri Irccs, a ‘L’imprenditore e gli altri’ su Cusano Italia Tv, dopo il blocco prudenziale disposto anche dall’Italia per la somministrazione del vaccino anti-Covid di AstraZeneca.

© Protetto da Copyright DMCA

“Ci sono Paesi come la Gran Bretagna dove sono state utilizzate milioni di dosi e non ci sono problemi – ha osservato lo scienziato – Poi bisogna dire che in Italia ogni giorno muoiono circa 1.800-2.000 persone, e che qualche persona muoia avendo preso il vaccino il giorno prima fa parte della realtà: il vaccino non dà l’immortalità, protegge soltanto dai danni indotti dal Covid”.

In questo momento, ha ribadito Garattini, “noi sappiamo che c’è un rapporto di causa-effetto tra il virus e il tromboembolismo, non tra il vaccino e il tromboembolismo. Che poi ci possa essere qualche lotto che dà degli effetti collaterali più intensi nessuno lo può escludere, ma bisogna sempre considerare il rapporto benefici-rischi: se avessimo avuto il vaccino, non avremmo avuto 100mila morti”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*