Cattedrale Terni, lavanda dei piedi a 12 immigrati africani

Cattedrale Terni, lavanda dei piedi a 12 immigrati africani

Cattedrale Terni, lavanda dei piedi a 12 immigrati africani. Nella cattedrale di Terni, giovedì santo 18 aprile, il vescovo Giuseppe Piemontese ha presieduto la celebrazione in “Coena Domini” in cui si ricorda l’istituzione dell’Eucaristia da parte di Gesù nell’ultima cena, nel corso della quale ha ripetuto il gesto della lavanda dei piedi a 12 giovani immigrati africani.

Una celebrazione all’insegna della comunione e solidarietà manifestata nel significato profondo che ricorda l’istituzione dell’eucarestia e che apre il Triduo pasquale, ossia i tre giorni nei quali si commemorano la Passione, la Morte e la Risurrezione di Gesù, che ha il suo fulcro nella solenne Veglia pasquale.

“Questa celebrazione rappresenta la porta che ci immette nel triduo sacro, nella passione, morte e resurrezione di Gesù – ha ricordato il vescovo -. Una celebrazione che è memoriale dell’Eucarestia consegnataci da Gesù proprio quella sera: nel comandamento del Signore sull’amore fraterno e del servizio. Il comando di Gesù a farsi ultimi e servi di tutti non può essere ridotto solo all’aspetto liturgico potrebbe, ma nella liturgia deve trovarsi la elevazione, santificazione dell’amore, espresso nel servizio quotidiano. Ognuno di noi si può interrogare sulla qualità del proprio servizio, quello di genitori, di figli, di frati, di suora, di prete, di vescovo, di politici, di operai e imprenditori”.

LEGGI ANCHE: Terni, cantamaggio ternano e Festa di Primavera #mayday

Nel gesto della lavanda dei piedi si rinnova il senso del servizio che il vescovo ha voluto ripetere nei confronti degli immigrati cittadini: “Abbiamo voluto evidenziare l’attenzione e il servizio ai migranti – ha aggiunto il vescovo – nella lavanda dei piedi che vuole essere segno del servizio vicendevole. Il tema dei migranti è un tema delicato ed impegnativo che negli ultimi tempi viene trattato e vissuto non solo nella società, ma anche dai cristiani in maniera piuttosto sbrigativa, superficiale e a volte rabbiosa.

Guidare dal senso di umanità

Credo che adesso vada affrontato con intelligenza, con coraggio, con umanità non lasciandosi sopraffare dalla paura e dal disagio, che pure gente sconosciuta può provocare. Lasciamoci guidare dal senso di umanità che è patrimonio della nostra gente e dal senso di amore cristiano insegnato da Gesù “Amatevi gli uni gli altri come io ho amato voi”. La conoscenza diretta delle persone e delle loro storie, la prevalenza della ragionevolezza, il dialogo e discernimento sui temi delle migrazioni e l’esempio di Gesù ci aiuteranno a superare le paure. Non lasciamoci convincere e ingannare da altri maestri che propongono un Vangelo differente da quello di Gesù”.

Le celebrazioni del triduo pasquale proseguono questa sera venerdì 19 aprile alle ore 18.30 nella Cattedrale di Terni il vescovo presiederà la celebrazione della Passione del Signore. Alle ore 20.30 appuntamento con la processione del Cristo Morto, presieduta dal vescovo che partirà dalla chiesa di San Francesco e si snoderà lungo corso Tacito, piazza del Popolo dove ci sarà una sosta con la meditazione del vescovo, via Roma, via dell’Arringo, piazza Duomo. La conclusione in cattedrale con la benedizione finale.

Commenta per primo

Rispondi