Verini, Salvini non prenderà l’Umbria, perché l’Umbria è degli umbri, con Andrea Fora

Verini frena sui 30mila euro di multa: «E' scelta condivisa, non un’imposizione»

Verini, Salvini non prenderà l’Umbria, perché l’Umbria è degli umbri, con Andrea Fora

“Dobbiamo impedire alla Lega di prendere l’Umbria, per ridarla ai cittadini con una nuova stagione di governo e di futuro”. E’ quanto ha detto il commissario umbro del Pd Walter Verini in vista delle elezioni regionali. Lo ha fatto con un un video su Facebook il giorno dopo della visita del leader della lega Matteo Salvini che da San Gemini ha lanciato la candidatura della senatrice Donatella Tesei.

“Salvini – ha detto – dopo avere fatto tanti disastri in Italia adesso vorrebbe prendersi la Regione: non ce la farà. Gli umbri riconosceranno anche a noi, al Pd e alla sinistra, il compito di superare anche i gravi errori che abbiamo compiuto. Siamo comunque quelli che abbiamo garantito nel corso degli anni una regione più vivibile, dove c”è coesione sociale. Ci sono comunque problemi, il lavoro anzitutto, e aumenta la povertà. C’è una grande sfida ma la dobbiamo e possiamo fare noi che questa regione l’abbiamo trasformata e modernizzata”.

Una sfida che il Pd non vuole fare “da soli”. “Abbiamo detto no – ha ricordato Verini – a candidature del Pd che pure ancora rappresenta tanto in questo Paese. Abbiamo detto al mondo civico e sociale ”avanti, spetta a voi svolgere un ruolo” . Abbiamo quindi valutato che la figura che forse meglio di altri possa ”aprire” sia quella di Andrea Fora, dirigente della cooperazione, moderno, molto integrato nel cattolicesimo sociale. Fora ha cominciato a costruire una coalizione già molto ampia che comprende anche forze politiche a partire dal Partito democratico, forze moderate e tante espressioni del mondo civico. Chiediamo adesso ad Andrea Fora di riunire al più presto intorno a un tavolo tutte le forze possibili”.

Il Pd “ha rinunciato a un proprio candidato presidente ha permesso di evitare il disastro dell’Italia facendo il nuovo Governo”. “Avevamo pensato – ha proseguito – che Conte non avrebbe dovuto essere più presidente del Consiglio eppure poi nel nome di un interesse generale e di un programma innovativo abbiamo detto va bene. E infine: “siamo in una situazione di emergenza e il voto è domattina. Per questo invito a guardare la sostanza e i programmi – ha concluso Verini -, al fatto che si può davvero competere e vincere”.

Salvini non prenderà l’Umbria, perché l’Umbria è degli umbri. Con Andrea Fora e con tutte le forze della società e quelle politiche che vogliono aprire una nuova stagione di crescita e diritti siamo pronti a mettere a disposizione le nostre energie

Gepostet von Partito Democratico dell'Umbria am Samstag, 7. September 2019

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
25 × 3 =