Stati Uniti d’Europa: Candidati e Dibattito sulla Difesa Europea

La lista Stati Uniti d’Europa presenta i suoi candidati per le elezioni europee

Stati Uniti d’Europa: Candidati e Dibattito sulla Difesa Europea

Sabato 18 maggio, nella sala della Fondazione Sant’Anna a Perugia, la lista Stati Uniti d’Europa ha presentato i suoi candidati per le elezioni europee del 8-9 giugno 2024. Durante l’incontro, si è discusso ampiamente sulla difesa europea, sulla guerra in Ucraina e sulle minacce che i regimi autocratici pongono alle democrazie.

I candidati presenti erano Gian Domenico Caiazza, capolista e già Presidente dell’Unione Camere Penali, Olga Surinova, attivista bielorussa da molti anni in Italia, Francesco Cappelletti, docente di cybersicurezza e comunicazione strategica presso la Brussels School of Governance, e Emanuela Pistoia, professore di Diritto dell’Unione Europea all’Università di Teramo. Hanno ricevuto il supporto tecnico di Andrea Gilli, Lecturer all’Università di St.Andrews e collaboratore con il Nato College di Roma, e Natalia Conestà, cooperante internazionale nella regione del Sahel.

Andrea Gilli ha aperto il dibattito, introducendo le opzioni europee in materia di difesa. Ha escluso l’idea di un’Unione Europea simile alla Svizzera o all’ONU, concentrandosi sulle due soluzioni più probabili: un’Europa composta da singoli paesi partner della NATO con gli Stati Uniti come leader storico, o un’Unione Europea pensata come superpotenza, sempre alleata degli Stati Uniti, ma con una posizione singola nella NATO.

Il dibattito ha evidenziato come, nonostante le circostanze attuali richiedano ancora il ruolo leader degli USA, lo sviluppo futuro degli eventi porterà alla costituzione di un esercito comune europeo all’interno dell’Alleanza Atlantica. Gli eventi legati alla guerra in Ucraina e gli esiti delle elezioni americane del prossimo novembre potrebbero accelerare questo processo.

Natalia Conestà ha illustrato la situazione politica dei paesi africani della regione del Sahel, che hanno subito una serie di colpi di stato da parte di giunte militari e l’intervento della milizia dei Wagner legata alla Russia. Ha sottolineato che un esercito europeo non dovrebbe rappresentare gli interessi economici degli ex colonizzatori europei, ma dovrebbe essere uno strumento di deterrenza e stabilità indipendente, rispettoso del diritto internazionale.

Gli interventi dei candidati sono stati di alto livello. Gian Domenico Caiazza ha aperto la serie di interventi, sottolineando come l’Europa sia attualmente debole in quanto somma di singoli stati che rivendicano le proprie peculiarità nazionali. Ha quindi sottolineato la necessità di un’Europa diversa, un’Europa federale che torni ad essere protagonista della politica internazionale e che dia più forza anche all’Italia.

Olga Surinova ha portato la testimonianza di come un paese europeo, la Bielorussia, possa ancora essere governato da una dittatura e che il suo regime non sia una libera scelta del popolo. Ha ricordato gli eventi che hanno portato alle manifestazioni di protesta e alla repressione del 2020, a seguito delle elezioni truccate da parte di Lukashenko. Ha chiesto quindi gli Stati Uniti d’Europa in cui tutti i cittadini possano sentirsi liberi, protetti e accolti.

Francesco Cappelletti ha sottolineato come ci troviamo in un periodo storico in cui le superpotenze utilizzano la guerra come estensione della diplomazia e la pace perpetua “kantiana” sta diventando un’illusione. Ha sottolineato la necessità di politiche di difesa immediate, mettendo in secondo piano la normativa, per privilegiare l’ideale strategico e la volontà di difesa comune.

Per Emanuela Pistoia, la politica di difesa comune negli ultimi anni, ha fatto importanti passi in avanti. Ora serve uno scatto collettivo dei paesi aderenti, verso obiettivi concreti, che in parte può essere realizzato anche senza modificare i trattati. Il Parlamento Europeo può avere un ruolo centrale.

La manifestazione è stata organizzata dal Comitato l’Umbria verso Renew Europe, costituito da aderenti ai partiti ora facenti parte della lista Stati Uniti d’Europa ed impegnato a supporto delle attività per la campagna delle elezioni Europee del 8-9 Giugno 2024. Il coordinatore del Comitato è Enrico Bartoccioni..

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*