Regione, proposta legge M5S per sostegno a imprese, Carbonari, prosegue impegno

Veleni nell'aria e sostituzione caldaie, M5s, depositata mozione per incentivi regionali

Regione, proposta legge M5S per sostegno a imprese, Carbonari, prosegue impegno. Il gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle nell’Assemblea legislativa dell’Umbria ha depositato una proposta di legge che prevede “Misure a sostegno delle imprese e dell’occupazione sul territorio regionale e di contrasto alle delocalizzazioni produttive”. “Con questa iniziativa legislativa, attivata insieme al capogruppo Andrea Liberati – spiega in una nota il consigliere regionale Maria Grazia Carbonari –, prosegue l’impegno del M5S-Umbria per frenare la desertificazione economica e proporre concrete misure a favore dell’occupazione di qualità”.

“La normativa prevista – aggiunge Carbonari – è complementare al recente Decreto Dignità e prevede che, in caso di delocalizzazione degli impianti produttivi, le somme erogate da parte della Regione Umbria alle imprese presenti sul territorio regionale siano restituite entro cinque anni dall’erogazione del contributo, con applicazione degli interessi legali.

Nei nuovi bandi della Regione che prevedano agevolazioni dovrà inoltre essere previsto un vincolo di mantenimento, per almeno tre anni, entro i confini regionali dell’azienda che abbia beneficiato di tali agevolazioni”. Nella proposta di legge del gruppo pentastellato sono inoltre previsti “incentivi economici per l’insediamento di nuove imprese in Umbria e per la rilocalizzazione di quelle che vi fanno ritorno, mediante la stipula di adeguati ‘contratti d’insediamento’ come condizione imprescindibile per l’erogazione di contributi regionali.

L’approvazione all’unanimità di un’analoga legge proposta dal M5S in Abruzzo – sottolinea Carbonari – dimostra che, quando la politica mette da parte la miopia di partito a favore dell’interesse del territorio, tutto è possibile. Auspichiamo quindi – conclude – che anche i nostri colleghi colleghi consiglieri facciano lo stesso, inserendo al più presto la proposta all’ordine del giorno e votandola nel solo interesse dei cittadini”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*