Province Zuccarini e Pernazza candidati per centrodestra

indicati da Lega, FdI e FI al termine "percorso unitario"

Le congratulazioni di Forza Italia Umbria a Laura Pernazza, sarà la prima donna a guidare la Provincia di Terni
Laura Pernazza

Province Zuccarini e Pernazza candidati per centrodestra

Stefano Zuccarini per la Provincia di Perugia e Laura Penazza per quella di Terni sono i candidati presidenti del centrodestra alle elezioni per il rinnovo dei vertici degli enti. Indicati “al termine di un percorso unitario di condivisione e di confronto dei partiti politici e delle forze civiche con i territori e con gli amministratori locali” hanno sottolineato i segretari regionali Virginio Caparvi, Lega, Franco Zaffini, Fratelli d” Italia, e Andrea Romizi, Forza Italia, in una nota congiunta.


Fonte Agenzia nazionale di stampa associata


“La coalizione di centrodestra, allargata alle forze civiche che condividono con noi la stessa visione – spiegano i vertici dei tre partiti -, ha dato prova di compattezza nella scelta di candidare alle elezioni in programma nel mese di dicembre due sindaci all” altezza del delicato compito istituzionale, nonché in grado di offrire un contributo determinante in termini di esperienza e capacità amministrativa a un ente strategico come la Provincia.

La necessità alla luce delle elezioni provinciali era quella di individuare due figure in grado di catalizzare il consenso, cercando allo stesso tempo di raccogliere le varie istanze provenienti dai grandi territori fino ai comuni più piccoli.

I nomi individuati rispondono a questa esigenza, oltre a quella di garantire continuità tra i vari livelli istituzionali, creando un filo conduttore fatto di opportunità e sviluppo che lega comuni, province, regione Umbria e Governo nazionale in una sinergia vincente capace di rispondere con forza alle urgenze del presente e affrontare le sfide del futuro con coraggio e lungimiranza. Un grande in bocca al lupo a Stefano, a Laura e a tutti i candidati consiglieri del centrodestra e forze civiche”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*