Prisco (FdI), Dario Nardella sindaco Firenze, copia modello Perugia case popolari

Prisco, FdI, Dopo Tagina, attivare area crisi complessa per zona appenninica
On. Emanuele Prisco

Prisco (FdI), Nardella sindaco Firenze copia modello Perugia case popolari «Restituire agli italiani il diritto di accedere alle case popolari. Finalmente se ne accorge anche il Pd al quale chiederemo i diritti d’autore». Lo scrive in una nota l’onorevole Emanuele Prisco commentando la proposta del sindaco di Firenze, Dario Nardella, per riequilibrare l’assegnazione delle case popolari. «A suo tempo il partito di Renzi – commenta l’assessore del Comune di Perugia – aveva aspramente criticato la scelta dei Comuni di Perugia e L’Aquila ritenendoci responsabili di aver modificato le regole che avrebbero penalizzavato gli stranieri.

Ora uno dei pochi Comuni ancora in mano al Pd copia e incolla le scelte del Centrodestra e più in particolare le iniziative di Fratelli d’Italia – prosegue Prisco – ma di questo non possiamo che essere soddisfatti poiché in questo modo viene portato avanti l’interesse dei fiorentini». «Le nostre scelte di assegnare case popolari agli italiani e az quegli stranieri nel nostro Paese da almeno dieci anni e rispettosi delle nostre regole – è scritto in un comunicato di FdI – vennero attaccate dal Pd e dalla Cgil che non esitarono a definire quelle norme discriminatorie e populiste.

LEGGI ANCHE: Prisco, a commissaria ricostruzione chiesta semplificazione procedure

Ebbene, se con la precedente Giunta rossa tra i primi 100 ammessi nelle graduatorie il 67 per cento erano stranieri, grazie al nostro intervento questi valori sono scesi al 42 per cento. Ora più della metà degli inquilini delle case popolari saranno italiani».

«Quella che abbiamo adottato noi anni fa era una scelta di buon senso che non cancella diritti a nessuno – conclude Prisco – ma restituisce agli italiani il diritto di accedere alle case popolari che gli era stato negato da scelte ideologiche delle precedenti amministrazioni».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*