Pd su dimissioni Catiuscia Marini valuteremo come votare Gruppo Pd non abbiamo esaurito mandato

Pd su dimissioni Catiuscia Marini valuteremo come votare Gruppo Pd abbiamo esaurito mandato
Catiuscia Marini

Pd su dimissioni Catiuscia Marini valuteremo come votare Gruppo Pd non abbiamo esaurito mandato

“L’evolversi della situazione politica regionale nelle ultime settimane anche a seguito delle indagini della magistratura ci induce a compiere alcune considerazioni oramai non più rinviabili.

1.Le indagini in corso da parte della magistratura inquirente sulla gestione dei concorsi nel settore sanitario perugino meritano il massimo rispetto e collaborazione mentre si attendono gli esiti istruttori conclusivi. Allo stesso tempo i partiti e le istituzioni non possono rinunciare a svolgere le loro funzioni costituzionalmente riconosciute di rappresentanza degli interessi generali dei cittadini. Potere politico-istituzionale e potere giudiziario sono chiamati al reciproco rispetto nelle rispettive autonomie. In questo quadro qualora si dovessero individuare ,in sede processuale, reati penalmente rilevanti saranno gli stessi imputati eventualmente responsabili a dovervi far fronte in quanto, come è noto, la responsabilità penale è personale.

2. Non è quindi accettabile l’uso politico delle indagini della magistratura che è stato fatto con cinica spregiudicatezza dalla Lega dai Cinquestelle e da Fratelli d’Italia, i cui leader non erano mai venuti a Perugia ,ma invece in queste settimane sono stati tutti presenti. Il loro sciacallaggio politico sulle inchieste come ben sanno è un arma a doppio taglio che non ha mancato di colpire anche loro autorevolissimi dirigenti da Roma a Palermo, dai Salvini ai Di maio.

3. Non è inoltre accettabile una campagna denigratoria e propagandistica che sull’onda delle inchieste fa conoscere in maniera notarile interi faldoni di intercettazioni telefoniche mentre evita di fornire i dati effettivi del funzionamento del sistema sanitario regionale considerato per efficienza , efficacia ed equilibrio finanziario, tra i più avanzati d’Italia.

4. Non è ancora accettabile un giudizio negativo, liquidatorio e sbrigativo, sull’azione di governo del centrosinistra in Umbria nei Comuni ,nelle Province e alla Regione dopo decenni in cui un territorio dall’arretratezza e dal sottosviluppo è passato alla crescita e al benessere economico e sociale.

Ai partiti e alle istituzioni democratico-rappresentativi non mancano naturalmente i temi su cui riflettere e intervenire, ma non certo o solo perché è la magistratura a sollevarci i problemi. E‘ da tempo che il rapporto tra istituzioni e cittadini risulta essere entrato in crisi, in Umbria come in Italia, cosi come nel resto del mondo. Ma non saranno certo le campagne propagandistiche, o quello che è ancora peggio, le sindromi auto lesionistiche a farci fare dei passi in avanti.”

correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
15 × 2 =