Interventi scuole Perugia, Gruppo PD ricorda che i soldi sono arrivati dalla regione

 
Chiama o scrivi in redazione


Interventi scuole Perugia, Gruppo PD ricorda che i soldi sono arrivati dalla regione

Interventi scuole Perugia, Gruppo PD ricorda che i soldi sono arrivati dalla regione

“La Regione Umbria, nel quadriennio 2015-2019, ha finanziato una serie di interventi sulle scuole con un impegno di risorse per circa  131,6 milioni di euro, andando a riqualificare il 40 per cento degli edifici scolastici della regione, incidendo quindi in maniera importante sui temi della sicurezza degli edifici scolastici, sull’efficientamento energetico e sulla sostenibilità, oltre che su tutti gli aspetti che influenzano la qualità della didattica ed il benessere degli studenti, degli educatori e di tutto il personale che opera nel sistema della scuola. Una parte consistente delle risorse stanziate sono state destinate alle scuole di Perugia, come sempre al centro delle politiche regionali, per un importo di oltre 13 milioni di euro.

Ci lasciano perplessi e amareggiati le dichiarazioni del Sindaco Romizi, che ha sentito la necessità di fornire un elenco di scuole che questa amministrazione, secondo le sue dichiarazioni, avrebbe risanato, senza però avere l’onestà di precisare da dove arrivano le somme destinate agli interventi. La Regione Umbria si è infatti occupata dell’ampliamento del liceo scientifico Galeazzo Alessi con 4 milioni di euro, di adeguamenti sismici, miglioramenti energetici e di agibilità, stessi lavori anche per l’Itis Alessandro Volta, con uno stanziamento di 800 mila euro, e per l’Ipc Blaise Pascal per 2 milioni e 205 mila euro finanziati con i fondi del Piano operativo regionale del Fondo europeo di sviluppo regionale (Por Fesr asse 8).

Miglioramenti per edifici vincolati anche nelle scuole primarie Valentini e Montessori-Ciabatti con lo stanziamento di 4 milioni 380 mila euro. Previsti investimenti anche per la scuola dell’infanzia di Ponte Felcino (quasi 642 mila euro), infanzia e primaria di Collestrada (250mila euro) ed infanzia Rodari di Ponte della Pietra (199 mila euro). Oltre che per la primaria di Colle Umberto per la quale la Regione Umbria aveva stanziato 264.484,53 euro tramite il Por Fesr.

Ma come si legge anche nelle linee di indirizzo per il triennio 2017/2019 previste dalla Determina Interna del Comune di Perugia 122/2017, la scuola secondaria Carducci-Purgotti ha ricevuto 3 milioni di euro di finanziamenti esterni per la ricostruzione pari a più della metà del totale, la scuola Pestalozzi di Fontivegge dovrebbe essere riqualificata con 1 milione e 700 mila euro proveniente dal bando periferie, di cui ad oggi non si hanno più notizie, la scuola primaria Mazzini di Ponte San Giovanni ha ricevuto risorse maggiori del necessario tramite oneri urbanistici.

L’intervento alla scuola d’infanzia Rodari di Ponte della Pietra è finanziato con risorse richieste alla Regione tramite il bando Por-Fesr, una parte consistente delle risorse previste per la scuola d’infanzia Le Margherite di Ponte San Giovanni proviene da bandi del MIUR e la scuola di infanzia e primaria di Mugnano è oggetto di riconsolidamento e miglioramento sismico grazie ad un contributo regionale per due terzi del totale, come si può riscontrare nella Determina Dirigenziale 183/2015 del Comune di Perugia.

Questa la dimostrazione che fare le promesse e le chiacchiere è facile ma ingiusto ed irrispettoso sì nei confronti della Regione Umbria che, come sempre, dimostra di mettere la scuola al primo posto degli investimenti territoriali, con la massima attenzione per il capoluogo e che non è stata neanche citata dal Sindaco, ma soprattutto lo è nei confronti dei cittadini che hanno il diritto di conoscere come e quanti soldi del bilancio comunale vengono impegnati per sapere quali sono le priorità di coloro che amministrano la cosa pubblica. Ringraziamo, piuttosto, l’impegno della Regione Umbria, che, come già in occasione di grandi opere della città, continua ad investire parte importante delle proprie risorse sul comune di Perugia”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*