Il Senatore Lega Alberto Bagnai registra il tutto esaurito

Il Senatore Lega Alberto Bagnai registra il tutto esaurito

Il Senatore Lega Alberto Bagnai fa il tutto esaurito PERUGIA – Solo posti in piedi per il Senatore Lega, Albero Bagnai, che riempie la sala congressi del “Quattro Torri”. L’incontro è stato anche l’occasione per lanciare il candidato a sindaco del centro-destra di Corciano, Franco Testi. Presenti all’iniziativa organizzata dalla Lega Perugia, i parlamentari Virginio Caparvi, Luca Briziarelli, Riccardo Augusto Marchetti, Donatella Tesei e Simone Pillon, il consigliere regionale Valerio Mancini, con il coordinamento del  Segretario cittadino Gianluca Drusian.

Competenza e professionalità mista ad una sana ironia, il sen. Bagnai ha così catalizzato l’attenzione dei presenti. Tanti i temi toccati dall’economista che ha trattato la crisi occupazionale definendola “la più lunga mai attraversata dall’Italia”, con uno sguardo preciso e attento alla politica estera per cui  “prima di stracciarci le vesti sui dazi che Trump forse metterà, dovremmo interrogarci seriamente sul dazio che la “locomotiva” tedesca ci sta nei fatti imponendo da quasi venti anni. I prodotti esteri hanno tanti pregi, fra cui quello di costare poco ma hanno un unico grosso difetto: creano lavoro all’estero”.

L’intervento del prof. Bagnai è stata anche la giusta occasione di riflettere su un cavallo di battaglia della Lega ovvero l’ipotesi di uscire o meno dalla moneta unica europea. Per Bagnai, infatti,  “l’ Europa ha dato delle opportunità, è stata un sogno in cui potevamo credere ma ormai il progetto non va più e uscire dall’Euro è possibile, perchè, di fatto, i danni li stiamo già vivendo”. Nei loro interventi i parlamentari Lega hanno ricordato i drammatici dati occupazionali che riguardano l’Umbria, paragondola nei numeri, a Regioni storicamente più in difficoltà, l’importanza del Made in Italy e nel caso specifico delle eccellenze umbre e presi un impegno concreto per far ripartire l’economia nazionale e locale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*