Soldi ai dirigenti sì, per scuole no!

movimento per perugiadi Virginio Curti Movimento per Perugia
(UJ.com3.0) PERUGIA – Le famiglie dei bambini che frequentano le scuole materne comunali sono costrette a dividersi le spese per far svolgere ai propri figli attività didattiche altrimenti non possibili e perfino per l’acquisto della carta igienica ed altro materiale di prima necessità; il Comune di Perugia se ne disinteressa, però paga ai 35 dirigenti un premio di un milione e mezzo di euro. A Perugia succede anche questo: da un lato le scuole materne ed elementari non hanno i mezzi per le attività didattiche, gli insegnanti devono pagarsi anche le fotocopie e perfino un Comitato mensa – gestito volontariamente dai genitori – non può pagare i fornitori perché non riceve i contributi versati dalle famiglie al Comune; dall’altro i dirigenti del “Palazzo”, già lautamente retribuiti, godono della generosità del Sindaco Boccali, pagata con i soldi dei cittadini. La gestione clientelare del potere non conosce la spending review e intanto Perugia non è più fra i primi 20 Comuni italiani per i servizi offerti e il sindaco Boccali è sceso in “classifica”!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*