Congressi Pd, Miccioni proclamato segretario in assemblea provinciale

Lavoro, riforme, ambiente e innovazione al centro della nostra azione

Il consigliere Miccioni si dimette dall’Osservatorio per la Ztl
Leonardo Miccioni

Congressi Pd, Miccioni proclamato segretario in assemblea provinciale

PERUGIA – “Fare il Partito Democratico” e mettere al centro il lavoro, le riforme, l’ambiente, l’innovazione; ecco perché Leonardo Miccioni ha accettato la sfida della segreteria provinciale del Pd di Perugia, vincendola con oltre l’80 per cento dei consensi nei congressi territoriali.  “L’ho accettata – ha detto nella sua relazione – con la consapevolezza che il lavoro da fare è tanto e che possiamo essere all’altezza delle sfide a cui siamo chiamati solo mettendoci responsabilità, generosità, unità d’intenti sulle prospettive da dare alle comunità e ai territori.

È tempo di un salto di qualità – ha sottolineato – e di guardare avanti con spirito di coesione. Pluralismo e diversità sono una ricchezza ma dobbiamo trovare la capacità di tradurre questa ricchezza in una visione comune.

Abbiamo davanti appuntamenti complicati e dobbiamo ricordarci che il nostro avversario non ha la nostra stessa tessera in tasca, mettere in campo un racconto fatto di cose, rivendicare i nostri risultati parlando una lingua comprensibile e spendendoci per un’azione di prospettiva”.

Per il Pd l’ambizione di Miccioni è costruire un “partito aperto e a rete, che sia organismo di supporto e coordinamento tra livelli territoriali, rispettandone l’autonomia e le dinamiche politiche. Al centro i circoli, che devono essere luogo di aggregazione e di confronto, gli iscritti e gli elettori. Sempre più dovremo sforzarci di trovare momenti di coinvolgimento coniugando le forme tradizionali di militanza con innovative forme di partecipazione.

Tra le parole chiave, poi, la trasparenza: tesseramento, bilanci, attività genesi e attuazione delle proposte devono seguire una strada di limpidezza.

I giovani siano protagonisti e si consolidi la nostra attenzione sulla formazione, per militanti e amministratori, nella consapevolezza che la competenza è il primo strumento per arginare i populismi”. Per le città e per il territorio “la nostra priorità è mettere in campo una visione che sia in grado di allargare il ventaglio delle opportunità” sul lavoro, sulle riforme, su ambiente e innovazione.

Ci sarà da approfondire una riflessione sulla riforma delle Province, soprattutto alla luce della bocciatura al referendum del progetto di riforma costituzionale; dovremo immaginare una visione nuova per la nostra regione, anche sostenendo e consolidando il percorso del Pd Umbria per un nuovo modello di sviluppo che sia costruito sulla bellezza e la qualità; faremo del lavoro la cifra politica del nostro impegno, ascoltando, partecipando, proponendo soluzioni per creare nuova e buona occupazione in una fase in cui gli indicatori segnalano una tendenza alla ripresa ma i dati sul lavoro continuano a segnare il passo; innovazione digitale e infrastrutture immateriali, senza dimenticare l’investimento più a lungo termine su quelle materiali, dovranno essere tra i temi centrali della nostra iniziativa, con l’ambizione di rompere l’isolamento della nostra regione.

“La nostra credibilità – ha concluso Miccioni – si misurerà sulla nostra capacità di ascolto e di analisi e sulla capacità di mettere in campo progetti all’altezza”. Un passaggio della sua relazione, il segretario l’ha voluto rivolgere al terremoto e al tema, cruciale, della prevenzione del rischio e della ricostruzione. In agenda, ora, la definizione di una “Segreteria che sia rappresentativa del territorio e delle sensibilità del Pd, nel rispetto di tutti” e della “conferenza dei segretari delle unioni comunali”. Non ci sarà una direzione, “ma il compito di dare l’indirizzo politico spetterà all’assemblea insieme ai segretari comunali”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*