Aeroporto S. Francesco, Movimento 5 Stelle Terni: non paghino i ternani

I pentastellati ternani prendono posizione sul problema dell'aeroporto umbro

AAeroporto S. Francesco, Movimento 5 Stelle Terni: non paghino i ternani
Aeroporto S. Francesco, Movimento 5 Stelle Terni: non paghino i ternani

Aeroporto S. Francesco, Movimento 5 Stelle Terni: non paghino i ternani

I pentastellati ternani prendono posizione sul problema dell’aeroporto umbro

“Secondo la presidente Tesei dovrebbero essere i ternani a pagare i debiti dell’aeroporto di Perugia”.

Nota del gruppo consigliare del Movimento 5 Stelle – Comune di Terni


“Una vicenda che sta assumendo i contorni del grottesco. Uno sfacciato tentativo di socializzare le perdite con i ternani in cambio di infrastrutture e collegamenti che non vedranno mai la luce. Un’operazione che ci ricorda la regionalizzazione del servizio dei trasporti pubblici finita con la scomparsa di Atc a vantaggio di operazioni spregiudicate fatte nel nord della regione” si legge ancora nella nota dei grillini ternani.

“Alla presidente Tesei che oggi parla di “forte coinvolgimento di tutta l’Umbria” vorremmo ricordare che le risorse finora spese dalla Regione per l’aeroporto di Perugia sono anche i soldi dei ternani. Risulta ancora più grottesco che tali proposte rivolte all’Umbria meridionale arrivino dopo che questa parte di regione è stata del tutto dimenticata nel Pnrr. A Terni servono collegamenti diretti e rapidi con la Capitale. Legare il nostro destino all’aeroporto di Perugia significherebbe di fatto trovare il pretesto per distrarre ancora una volta nel nord della regione le risorse per attivare i collegamenti realmente strategici.

L’affondo dei consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle

“Mentre investimenti miliardari e fondi europei si concentrano sempre dalla stessa parte, secondo la presidente Tesei ci vogliono i soldi dei ternani per ricapitalizzare la Sase dopo la fuga di tutti gli investitori principali. “Sarebbe più vantaggioso per tutti” dice. Tutti chi? Ci chiediamo noi”.

“Mai avremmo creduto che un simile appello potesse essere raccolto da esponenti della Lega di Terni secondo i quali un Comune già in dissesto dovrebbe disperdere ulteriori risorse a Perugia. Anche loro sono di memoria corta visto che in campagna elettorale parlavano di riequilibrio territoriale. Ma ve lo immaginate il senatore Briziarelli o qualsiasi altro esponente perugino della Lega chiedere a Romizi di mettere i soldi per il nuovo ospedale di Terni, per l’aviosuperficie di Maratta o per far partire un treno Frecciarossa da Terni? Sembra assurdo ma è proprio quello che ha fatto la senatrice Alessandrini solo pochi giorni fa auspicando il coinvolgimento di Terni nella governance di Sase. Siamo alle comiche finali”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*