Sospeso pagamento rette infanzia, trasporto e mensa causa Coronavirus

 
Chiama o scrivi in redazione


Bonus nido a rischio per le famiglie che iscrivono i bambini agli asili pubblici

Sospeso pagamento rette infanzia, trasporto e mensa causa Coronavirus

La giunta comunale ha approvato questo pomeriggio, su proposta del vice sindaco Gianluca Tuteri, la delibera con cui viene disposto l’esonero dal pagamento delle tariffe delle rette dei servizi educativi per la prima infanzia, del trasporto scolastico e della refezione scolastica per tutto il periodo della sospensione dell’attività dovuta all’emergenza sanitaria nazionale da Covid-19.

Come noto la sospensione delle attività didattiche per tutte le scuole di ogni ordine e grado era stata disposta con i Dpcm del 4 marzo 2020 e con Dpcm dell’8 marzo 2020.

Il provvedimento adottato oggi dall’Esecutivo si è reso necessario in quanto il vigente regolamento comunale non contempla la chiusura dei servizi per cause di forza maggiore né prevede riduzioni tariffarie, rimborsi o esoneri per tali evenienze.

“In un periodo così difficile per tutti i cittadini italiani – ha sottolineato il vice sindaco Gianluca Tuteri – abbiamo ritenuto opportuno approvare un provvedimento di totale esonero dal pagamento delle tariffe dei servizi educativi per tutta la durata della sospensione dell’attività al fine di sostenere le famiglie perugine. Riteniamo che questa decisione, dettata dall’equità e dal buon senso, sia doverosa per rispetto dei grandi sacrifici che tutte le famiglie stanno compiendo in questa fase di emergenza nazionale. Si tratta – precisa Tuteri – di una decisione che avevamo assunto come Amministrazione comunale già da tempo ed, in particolare, nel corso della precedente seduta di giunta del 18 marzo scorso, al termine della quale avevamo deliberato di dare mandato agli uffici affinché predisponessero gli atti necessari per procedere alla formalizzazione del provvedimento di esonero.

L’occasione è utile per ringraziare i perugini per il senso di responsabilità che stanno dimostrando e per invitarli ulteriormente a restare a casa affinché nel più breve tempo possibile si possano ristabilire le condizioni di normalità”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*