CIP Young, a Gualdo Tadino in vetrina le idee e i progetti dei giovani

Premiati i tre vincitori del concorso indetto dal Coworking Sassuolo. Liana Cicchi: “Un’occasione importante per contrastare le povertà educative della nostra comunità ed offrire nuove opportunità di crescita”

CIP Young, a Gualdo Tadino in vetrina le idee e i progetti dei giovani

CIP Young, a Gualdo Tadino in vetrina le idee e i progetti dei giovani

Premiati i tre vincitori del concorso indetto dal Coworking Sassuolo. Liana Cicchi: “Un’occasione importante per contrastare le povertà educative della nostra comunità ed offrire nuove opportunità di crescita”

Il territorio dell’alto Chiascio vicino ai giovani e alle loro idee grazie a Well Tree e a tutta una serie di iniziative volte a contrastare le povertà educative e ad offrire nuove opportunità di crescita. Il progetto realizzato con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia da un partenariato che vede come capofila la Cooperativa Sociale Asad ed un folto numero di associazioni ed enti del gualdese, è ad un passo dalla sua conclusione, programmata per i primi di marzo, ma tante sono state le iniziative che dal 2019 hanno stimolato la voglia di emergere da parte dei ragazzi del territorio.


Da AS Comunicazione


Domenica 30 gennaio, presso la sala multimediale del Verde Soggiorno di Gualdo Tadino, si è tenuta la premiazione del concorso Cip Young 2021 indetto nel contesto delle attività programmate dal Coworking Sassuolo, che proprio quel giorno ha compiuto un anno di attività e che rappresenta una delle migliori espressioni di Well Tree. Ad aggiudicarsi il concorso sono stati tre progetti: ‘Esotick Garden’ di Sario Tomassini e Valerio Righi, ”, basato sullo sviluppo di un laboratorio per la produzione e lo studio di piante esotiche, ‘Sulle orme di Matteo da Gualdo’ di  Matteo Beni, volto alla creazione e pubblicazione di un percorso digitale che consenta di scoprire il valore di questo artista così importante non solo per Gualdo ma per tutta l’Umbria e ‘Palium 2.0’ di Samuele Brunetti e Matteo Brunetti, che in collaborazione con l’Ente Giochi de le Porte produrrà una evoluzione di questo gioco da tavola, per far sì che possa raccontare ancora meglio la storia di quello che è un tratto identitario della comunità gualdese: i Giochi de le Porte appunto.

A premiare i vincitori la Presidente della Cooperativa Sociale Asad, Liana Cicchi.

“In questo primo anno di vita il Coworking – ha dichiarato la stessa Cicchi – pur condizionato dalla pandemia ha realizzato molteplici attività che hanno visto i giovani del territorio condividere esperienze di vario tipo, con l’obiettivo di contrastare le povertà educative della nostra comunità ed offrire nuove opportunità di crescita.

Ad un mese dalla conclusione del progetto Well Tree, colgo l’occasione per ringraziare la Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, per aver finanziato il progetto e tutta quella folta rete di soggetti che insieme ad Asad ha collaborato con professionalità ed impegno, tra i quali: l’associazione Educare alla Vita Buona, il comune di Gualdo Tadino, l’istituto Casimiri, la Caritas e gli amici del Germoglio”.

Well Tree, attraverso il Coworking Sassuolo, proseguirà la sua attività nel mese di febbraio con Labor Future, un percorso fatto di quattro incontri di orientamento al lavoro rivolti ai giovani del territorio, organizzato in collaborazione con l’Informagiovani di Gubbio. Gli incontri si svolgeranno online tramite piattaforma Google Meet ogni venerdì pomeriggio dalle 15 alle 17e consentiranno ai partecipanti di toccare con mano alcuni strumenti per progettare e vivere con maggiore consapevolezza il loro futuro nel mondo del lavoro.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*