Gruppi Pd e SeR: Da stigmatizzare comportamento M5S e assenza Lega

I gruppi consiliari del Partito democratico e dei Socialisti e riformisti a Palazzo Cesaroni valutano “grave, indegno e irrispettoso delle istituzioni l’atteggiamento di oggi del Movimento 5 Stelle e della Lega” nel corso della sessione europea

 
Chiama o scrivi in redazione


Assemblea legislativa, costituiti gli otto gruppi consiliari

Gruppi Pd e SeR: Da stigmatizzare ignobile comportamento di M5S e l’assenza della Lega

I gruppi consiliari del Partito democratico e dei Socialisti e riformisti all’Assemblea legislativa valutano “grave, indegno e irrispettoso delle istituzioni l’atteggiamento di oggi del Movimento 5 Stelle”. Per i capigruppo Chiacchieroni e Rometti “i consiglieri M5S hanno tenuto in Aula un comportamento di natura eversiva, sollevando questioni che nulla avevano a che vedere con gli argomenti che si stavano per discutere”.

Lo affermano i capigruppo del Partito Democratico e dei Socialisti e Riformisti a Palazzo Cesaroni, Gianfranco Chiacchieroni e Silvano Rometti, che valutano “grave, indegno e irrispettoso delle istituzioni, tanto della presidenza della Repubblica quanto di quelle regionali, il comportamento tenuto in Aula dal Movimento 5 Stelle, che ha lungamente impedito lo svolgimento della ‘Sessione europea’, da tempo calendarizzata, attraverso l’esposizione di cartelli e dando la stura ad una becera propaganda contro il presidente Sergio Mattarella, la cui unica colpa è di aver fatto rispettare la Costituzione e impedito che il Paese precipitasse nel baratro”.

“Parimenti irrispettoso e indegno – conclude la nota di Pd e SeR – è stato anche l’annuncio dato a mezzo stampa dai consiglieri della Lega del fatto che oggi non sarebbero stati presenti in Aula per protestare contro la mancata formazione del Governo 5 Stelle–Lega. Il Partito democratico e i Socialisti e Riformisti, al pari di tutte le altre forze democratiche, sentono invece, tanto più in un momento difficile come quello che stiamo attraversando, il bisogno di schierarsi in maniera convinta e compatta a difesa della Costituzione repubblicana, per difenderne i valori democratici, che passano proprio attraverso il confronto degli eletti nelle Aule legislative e il rispetto delle istituzioni”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*