Battuta d’arresto dell’estate, calo delle temperature a Ferragosto, poi su di nuovo

Nubifragio a Perugia allaga mezza città, danni anche in provincia
Foto da Perugia Meteo
da Ivan Gaddari, Meteogiornale

Battuta d’arresto dell’estate, calo delle temperature a Ferragosto, poi su di nuovo L’Anticiclone venuto dal nord Africa, per la prima volta veramente persistente e cattivo, sta per cedere. In realtà qualche segnale lo ha già lanciato, lasciandosi sfuggire spifferi d’aria instabile provenienti dal vicino Oceano Atlantico. Ciò ha generato i classici temporali estivi e in quanto tali localmente sono risultati veramente violenti.

Le temperature stazionano ostinatamente al di sopra delle medie stagionali, di diversi gradi. Non sarà caldo record, questo è vero, ma certo l’umidità non aiuta. Con tanto vapore acqueo in atmosfera, specie su grandi città e litorali, la sensazione di calore è opprimente e si deve caldamente evitare di esporsi al sole durante le ore più calde della giornata.

Ma quella che inizialmente appariva soltanto una possibilità si sta per concretizzare, ovvero un’ansa depressionaria in quota transiterà sulle nostre regioni innescando una vivace destabilizzazione atmosferica.

Forse non sarà la crisi definitiva dell’Estate, sia chiaro, ma certo coi contrasti termici che andranno a scaturirne c’è la concreta possibilità che tra martedì e mercoledì possano ripresentarsi temporali localmente violenti. Magari anche con grandinate e colpi di vento. Soprattutto scenderanno le temperature, con refrigerio finalmente gradevole.

RAGIONIAMO SUI DETTAGLI
Capiamoci, l’argomento andrà sviscerato soprattutto lunedì, ma osservando con attenzione le mappe meteo di previsione pare che il peggioramento sia destinato a coinvolgere gran parte delle nostre regioni. Vero è che vi saranno aree d’Italia dove non pioverà, però con simili situazioni non si può dare nulla per scontato.

Diciamo che le regioni centrali, specie settori tirrenici, potrebbero risultare le più penalizzate. Inizialmente, infatti, il brutto tempo potrebbe abbattersi al Nord e sul Centro Italia, in un secondo momento anche al Sud. Come tempistiche avremo l’ingresso perturbato martedì 14 agosto, lo scivolamento verso sudest mercoledì 15 agosto e il definitivo allontanamento giovedì 16.

Se vi state aspettando una diminuzione termica eclatante state sbagliando. Le temperature caleranno sì, anche di diversi gradi, ma si riporteranno verso le medie stagionali. Più che altro sarà il vento ad acuire la sensazione di fresco, vento che però almeno inizialmente sarà responsabile di un temporaneo rialzo delle temperature su coste ioniche e adriatiche per via della componente favonica. Perlomeno andrà via l’umidità e questa è certamente un’ottima notizia.

ESTATE IN GRANDE SPOLVERO
Quando in pochi avrebbero scommesso nel consolidamento del caldo e del bel tempo – visto l’andazzo registrato nei mesi di giugno e luglio – ecco che l’Estate si è ripresa la scena. Questo per dire che piano a dare per spacciata la bella stagione, perché sul finire della prossima settimana l’accelerata del caldo potrebbe di nuovo infastidirci e farci desiderare un’altra rinfrescata.

 

ULTERIORI TENDENZE METEO
Per dirvi, osservando i modelli matematici di previsione meteo pare che l’Alta Pressione africana sia in grado di proiettarsi verso fine agosto, pur evidenziando qualche altra pecca sul bordo settentrionale laddove potrebbero eventualmente inserirsi sbuffi d’aria fresca capaci di rompere la calura coi classici temporali di fine stagione.

FONTE www.meteogiornale.it

Meteo ANCONA
Meteo AOSTA
Meteo BARI
Meteo BOLOGNA
Meteo CAGLIARI
Meteo CAMPOBASSO
Meteo CATANZARO
Meteo FIRENZE
Meteo GENOVA
Meteo L’AQUILA
Meteo MILANO
Meteo NAPOLI
Meteo PALERMO
Meteo PERUGIA
Meteo POTENZA
Meteo ROMA
Meteo TORINO
Meteo TRENTO
Meteo TRIESTE
Meteo VENEZIA

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*