Progetto “a scuola d’impresa” a Villa Umbra

progettoimpresa(umbriajournal.com) PERUGIA – Si terranno domani sabato 25 maggio, a Villa Umbra in località Pila di Perugia (dalle ore 9.30), le finali regionali del progetto pilota “A scuola d’impresa”, promosso dall’Agenzia Umbria Ricerche (“Aur”) e finanziato nell’ambito del Programma operativo regionale del Fondo sociale europeo 2007-2013 (Asse V Transnazionalità e Interregionalità) della Regione Umbria. Gestito dall’Aur in collaborazione con l’Ufficio scolastico regionale per l’Umbria e realizzato da “Ecipa” Umbria, “Ecipar” Ravenna e Centro studi “Città di Foligno”, con il supporto e sostegno della Cna Umbria, il progetto si è posto l’obiettivo di favorire la cooperazione tra il mondo della scuola e il mondo imprenditoriale attraverso iniziative di diffusione della cultura d’impresa nelle scuole. I giovani hanno seguito un percorso formativo e di accompagnamento, orientato a sviluppare lo spirito imprenditoriale e a fornire loro le competenze necessarie alla creazione d’impresa. Ora il progetto è nella fase delle competizioni regionali, in cui si “scontreranno” 21 idee d’impresa sviluppate dai giovani studenti, divisi in squadre, che frequentano tredici istituti superiori umbri. In seguito a una mirata formazione, 250 studenti, divisi inizialmente in 56 squadre, hanno simulato un progetto d’impresa partendo da una loro idea imprenditoriale. “I giovani partecipanti – spiega Anna Ascani, direttore dell’Aur – hanno messo in campo, in una logica di ‘learning by doing’, le azioni che si devono realizzare per diventare imprenditore, quali rapporti con le banche, ipotesi di produzione del prodotto, piano di marketing, compiendo tutto il percorso che va dall’idea imprenditoriale al ‘business plan’”.
Per valutare l’innovatività e la fattibilità delle idee d’impresa individuate, sono state organizzate giornate di incontro e confronto con imprenditori locali, nella sede del Bic Umbria- Sviluppumbria.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*