Assemblea Legistativa, approvato il Bilancio di previsione 2018-2020 VIDEO

Assemblea Legistativa, approvato il Bilancio di previsione 2018-2020

Assemblea Legistativa, approvato il Bilancio di previsione 2018-2020

Assemblea Legistativa, approvato il Bilancio di previsione 2018-2020

PERUGIA – L’Aula di Palazzo Cesaroni ha approvato a maggioranza, con 18 voti favorevoli e 2 astenuti (M5s), il Bilancio di previsione 2018-2020 dell’Assemblea legislativa dell’Umbria. Le risorse per il triennio, escluse le partite di giro, ammontano per il 2018 a 19milioni 153mila 454 euro, per il 2019 a 19milioni 123mila 339 euro e per il 2020 a 19milioni 120mila 300 euro. Confermata la riduzione del fabbisogno di spesa e l’ottimizzazione delle risorse umane e strumentali. Con un emendamento dell’Ufficio di presidenza le risorse per l’istituzione del Difensore civico, pari a 60mila euro, sono state trasferite al fondo di riserva, in base a quanto deciso in Prima Commissione.

RELAZIONE SUL BILANCIO È stato il vicepresidente dell’Assemblea legislativa, Marco Vinicio GUASTICCHI, a illustrare in Aula il documento: “Il bilancio di previsione 2018-20 di iniziativa dell’Ufficio di presidenza è stato elaborato tenendo conto degli indirizzi fondamentali di coordinamento della finanza regionale. OBIETTIVI GENERALI SONO IL MIGLIORAMENTO DEL FUNZIONAMENTO DELL’ASSEMBLEA LEGISLATIVA OTTIMIZZANDO L’IMPIEGO DELLE RISORSE UMANE E STRUMENTALI A DISPOSIZIONE, IL MONITORAGGIO DELLA SPESA, IL CONTENIMENTO DEI COSTI. Tali obiettivi sono volti a consolidare le politiche pubbliche, l’attuazione della digitalizzazione, la prevenzione della corruzione e la trasparenza. Questo Piano di azioni positive per il triennio è la priorità strategica. Il sistema di programmazione viene dotato di un adeguato strumento di controllo.

Per quanto riguarda le entrate esse sono costituite dalle risorse del bilancio finanziario, quasi esclusivamente nella voce spese correnti e in minima parte in conto capitale. Le risorse per il triennio, escluse partite di giro, ammontano per il 2018 a 19 milioni 153mila 454 euro, per il 2019 a 19 milioni 123mila 339 euro e per il 2020 a 19 milioni 120mila 300 euro. I trasferimenti dal bilancio regionale ammontano a 18 milioni 930mila euro per ciascuno degli anni considerati e confermano la riduzione del fabbisogno di spesa avvenuto nel 2016.

Le altre entrate riguardano il trasferimento di fondi dall’AgCom per le funzioni delegate al Corecom, gli interessi attivi maturati sulle giacenze di cassa in banca e entrate contrattuali. Si evidenzia che le previsioni di spesa relative alle indennità di carica dei consiglieri regionali e dei gruppi consiliari sono confermate negli importi stabiliti. Le risorse non comprimibili sono riferiti a spese per il personale e assegni vitalizi e di reversibilità; quindi restano le spese per il funzionamento del Cal, dell’Isuc, del Centro studi giuridici, Collegio dei revisori dei conti e difensore civico regionale. Inoltre viene quantificato l’onere per la copertura di spese previste da leggi regionali specifiche: la legge ‘6/2004 per la promozione di attività di informazione e partecipazione fra scuola e istituzioni regionali; legge ’11/2010′ che prevede fondi per la Giornata della memoria in ricordo delle vittime delle mafie; legge ’35/2007’ che prevede fondi per la Giornata contro il terrorismo, in ricordo delle vittime civili e militari”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*