24 giugno inaugurazione a Trevi della mostra “Pepi Merisio. Gioco!”

 
Chiama o scrivi in redazione


24 giugno inaugurazione a Trevi della mostra "Pepi Merisio. Gioco!"
Basket in Seminario, Bergamo 1964

24 giugno inaugurazione a Trevi della mostra “Pepi Merisio. Gioco!”

La città di Trevi rende omaggio ad uno dei protagonisti della fotografia italiana del Novecento con la mostra “Pepi Merisio. Gioco!” ospitata nella cinquecentesca cornice di Villa Fabri dal 24 giugno al 3 ottobre 2021.

È la prima esposizione a pochi mesi dalla scomparsa del celebre fotografo: cinquanta foto in bianco e nero e a colori di varie dimensioni ripercorrono il tema del gioco nella quotidianità attraverso scatti poetici e immediati realizzati dagli anni Cinquanta agli anni Ottanta.

“[…] Il gioco è l’alfabeto più immediato, quello che toglie i protagonisti dalla necessità di sentirsi in un ruolo predefinito, mettendoli nella condizione di rivelarsi. Il lavoro di Merisio ha per lo più questo indirizzo: lasciare che le cose accadano, si rivelino per quello che sono, mentre sta all’osservatore cercare di capire ciò che vede stampato. […]

I ragazzi del Rione stella, i seminaristi che giocano a basket, gli orchestrali che attendono la scena giocando a scacchi, come la madre carica di legna e il figlio con la piccola gerla vuota che gioca alla fatica della vita, sono scorci o paradigmi della nostra esistenza. Ognuno con il suo portato di felicità e persino amarezza: il gioco finisce, si deve tornare a casa, ai compiti, al lavoro, alla normalità.

LEGGI ANCHE – Sabato 19 giugno 2021, a Trevi Capitale dell’Olio, in Umbria, sabato 19 giugno 2021 si fa “Merenda nell’Oliveta”

Il gioco, in tal senso, è quell’attimo eroico e atemporale in cui ci si immerge per mettere uno stacco dalla cronaca ed entrare nella propria storia.” (F. Arensi).

La mostra, a cura di Flavio Arensi, è coprodotta e organizzata da Le Macchine Effimere e Menti Associate con il Patrocinio del Comune di Trevi in collaborazione con il Complesso Museale di San Francesco.

L’esposizione costituirà il via per Villa Fabri e per l’intera cittadina umbra di una nuova stagione culturale che si snoderà attraverso incontri, conferenze e concerti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*