Treni Fcu riprendono a viaggiare, aumento inquinamento acustico a Ponte

Treni Fcu riprendono a viaggiare, aumento inquinamento acustico a Ponte

Treni Fcu riprendono a viaggiare, aumento inquinamento acustico a Ponte

Soddisfazione e preoccupazione a Ponte san Giovanni per l’annuncio della prossima ripresa delle corse  della ex Centrale Umbra ora FSI, Soddisfazione per il servizio di trasporto per chi dall’Alta Valle del Tevere deve giungere a Perugia quotidianamente per studio o per lavoro.

Preoccupazione e disagio per i cittadini che abitano al termine di via Primavera (una prosecuzione di via Pieve di Campo) con porte e finestre proprio a ridosso dei binari della stazione ferroviaria di Perugia-Ponte S.Giovanni (questa è la definizione esatta come riportano gli orari dei treni).

Leggi anche – Ex FCU, RFI subentra nella gestione, fusione entro fine giugno

Alle lamentele e segnalazioni di qualche anno fa ora, con la costruzione delle tettoie sopra ilo marciapiede tra il 4° e 5° binario (una vera e propria cassa di risonanza) è aumentato l’inquinamento acustico del rumore assordante dei motori diesel (accesi almeno 50’prima della partenza) che provocano anche il disagio e il pericolo delle esalazioni e dei fumi.

A suo tempo intervenne anche l’ARPA per controllare i due tipi di inquinamento riscontrato, ma, in entrambi i casi, non si è trovata soluzione. Uno dei suggerimenti lanciati dai residenti era quello di far effettuare il riscaldamento dei motori in una zona lontana dalle abitazioni o di mettere filtri anti-rumori e antismog per attenuare l’inquinamento e ridurre danni e disagio.

Intanto nell’area della stazione sta sorgendo una nuova struttura che vede impegnati alacremente, e proprio sotto la calura di questi giorni, muratori e  carpentieri. Di notte invece si sta provvedendo, con l’aiuto di una enorme gru, alle fasi di fissaggio di tralicci orizzontali delle nuove palificazioni per la linea di alimentazione elettrica dei binari. Sarà una stazione con le caratteristiche di quelle dove transitano i treni ad alta velocità:

di gino goti

Commenta per primo

Rispondi