Mario Mariano lascia l’ufficio stampa dell’Azienda ospedaliera di Perugia

 
Chiama o scrivi in redazione


Mario Mariano lascia l’ufficio stampa dell’Azienda ospedaliera di Perugia

Il giornalista Mario Mariano, dopo 14 anni di collaborazione, lascia l’ufficio stampa dell’Azienda ospedaliera di Perugia. Lo annunciato lui stesso su Facebook dopo un incontro di saluto con la presidente della Regione Donatella Tesei.

“Questo triste 2020 – ha scritto Mariano – porta via con sé anche la mia collaborazione con l’ospedale di Perugia: dopo 14 anni lascio l’ufficio stampa. E’ stato un periodo bello quanto impegnativo in cui mi sono sforzato di impegnarmi al massimo per contemplare il rispetto dei pazienti con le esigenze di informazione dei miei colleghi. A mio avviso medici e giornalisti hanno fatto un buon lavoro e insieme siamo riusciti a trovare un punto di equilibrio tra le informazioni concesse e le notizie pubblicate.
© Protetto da Copyright DMCA

Questi ultimi 14 anni sembrano aver rappresentato un’era geologica per i media: nel 2007, quando ho messo piede al Santa Maria della Misericordia, non c’erano quotidiani online e non esistevano neppure i social network che hanno rivoluzionato il modo di comunicare. Ci ho messo tanto impegno e tanta passione. È stato faticoso ma gratificante al tempo stesso, sempre supportato dal rendere un servizio alla comunità”.

Mariano ha quindi ringraziato Tesei “per le espressioni di apprezzamento” riservategli. “Nei ringraziamenti finali – ha affermato ancora su Facebook – vorrei accomunare tutti i dirigenti che mi hanno accordato fiducia e autonomia e tutto il personale sanitario che porterò nel cuore per la generosa disponibilità e collaborazione con l’ufficio, consapevole dell’importanza di una corretta informazione. Da ultimo, un grazie indispensabile è rivolto ai colleghi giornalisti per l’attenzione dedicata a tutte le iniziative dell’ospedale, valorizzate al meglio nell’interesse dei cittadini. Un caro augurio a tutti – conclude Mariano – per le prossime festività e per un futuro meno carico di ansie e preoccupazioni”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*