Primi d’italia, oltre 80mila presenze, migliaia di degustazioni, alberghi sold out

Primi d’italia, oltre 80mila presenze, migliaia di degustazioni, alberghi sold out

Oltre 80mila presenze nei quattro giorni della kermesse, Food experience, Cooking show, Cene stellate e appuntamenti speciali tutti sold out. Oltre 200 camper, alberghi e strutture ricettive piene. I primi numeri dell’edizione 2021 del Festival dei Primi d’Italia sono ottimi, lo ribadisce anche il presidente di Epta Confcommercio, Aldo Amoni: “Ora lo possiamo dire, nonostante la pandemia e le restrizioni della sicurezza, grazie anche ad un’organizzazione eccezionale, abbiamo fatto bingo! È stata un’edizione bellissima, che ci ripaga delle difficoltà che abbiamo sofferto in questi ultimi due anni. Ora cominciamo subito a pensare al 2022!”.


dall’ufficio stampa
di Primi d’Italia


Migliaia le degustazioni nei Villaggi dei Primi, una città che ha saputo accogliere in totale sicurezza le tantissime persone che sono arrivate a Foligno da tutta Italia e anche dall’estero. In attesa di un bilancio complessivo e puntuale, le prime indicazioni parlano di una rassegna che ha superato le aspettative e le difficoltà dovute alle necessarie restrizioni sanitarie. Grazie agli accessi con green pass ai Villaggi e agli appuntamenti, al distanziamento e al controllo attivo dell’organizzazione, i Primi d’Italia hanno rappresentato per l’Umbria l’esempio di un grande evento gestito in sicurezza sotto pandemia.

La domenica di chiusura. La giornata di domenica, nonostante il cielo nuvoloso, ha chiuso col botto l’edizione della ripartenza dopo lo stop del 2020 dei Primi d’Italia, “merito di tutti quelli che in questi mesi hanno lavorato duramente, gli sponsor, le Istituzioni e i tanti che si sono impegnati per far sì che i Primi si potessero fare”, chiude Aldo Amoni.

Nell’ultima giornata del festival, oltre alle attività legate al mondo della pasta e della cucina, spazio a due ospiti che sono stati premiati per le loro attività. A cominciare da Luca Manfredi, il regista e sceneggiatore che, oltre all’opera in ceramica di Domiziani – premio esclusivo dei Primi – ha ricevuto 100 kg di pasta che lo stesso Manfredi ha deciso di donare al Comune di Amelia dove la sindaca Laura Pernazza fa confezionare pacchi alimentari per le famiglie bisognose. Altro premiato è stato Elia Alunni Tullini, giovane artista folignate protagonista con una sua opera alla quinta edizione della Biennale di Arte contemporanea di Londra.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*