Visita a domicilio, paziente rifiuta mascherina e aggredisce dottoressa

Nel giro di pochi giorni in Umbria è il secondo episodio di violenza verbale e fisica

 
Chiama o scrivi in redazione


Visita a domicilio, paziente rifiuta mascherina e aggredisce dottoressa

Visita a domicilio, paziente rifiuta mascherina e aggredisce dottoressa

Nella giornata di ieri un nostro medico fiscale è stato aggredito verbalmente e fisicamente mentre svolgeva la sua attività lavorativa. È successo nella periferia di Perugia. Il medico – una donna – si è recata presso il domicilio di un uomo per una visita volta a verificare la sussistenza dello stato di malattia. L’uomo si è mostrato subito reticente e alterato, rifiutando di indossare la mascherina come previsto dalle norme anti-covid.

© Protetto da Copyright DMCA

Preso atto dell’impossibilità di effettuare la visita di controllo, per mancanza dei requisiti minimi di sicurezza, il medico si stava allontanando dall’abitazione quando è stata raggiunta ed aggredita dall’uomo, che ha cominciato ad inveire contro di lei e a lanciarle oggetti prelevati dall’automobile della donna. Tempestivo l’intervento di una volante della Polizia di Stato, chiamata con l’aiuto di un passante. L’uomo è stato denunciato in Questura.

Nel giro di pochi giorni in Umbria è il secondo episodio di violenza verbale e fisica subita da medici che operano in INPS. Anche in questo caso esprimiamo al medico coinvolto e a tutta la categoria la nostra solidarietà. Si tratta di attacchi ingiusti, che non tengono contodell’importante ruolo svolto dall’Istituto e da tutti i suoi dipendenti e collaboratori in questo momento di crisi sanitaria ed economica.

Lo stato di frustrazione causato dal momento storico che stiamo vivendo, con ripercussioni sulla vita e sull’equilibrio psicologico ed emotivo di tante persone, non giustifica in alcun modo le violenze. Da parte nostra, ci appelliamo al senso civico della cittadinanza e alla necessità di fare squadra in un momento così delicato. Allo stesso tempo, ribadiamo che nessuna aggressione verbale o fisica ai nostri dipendentie collaboratori verrà tollerata, e che gli autori di eventuali ulteriori episodi verranno puntualmente denunciati.

Fabio Vitale

Direttore regionale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*