Umbria zona rossa a Pasqua, a Terni predisposti severi servizi controllo

 
Chiama o scrivi in redazione


Umbria zona rossa a Pasqua, a Terni predisposti severi servizi controllo

Umbria zona rossa a Pasqua, a Terni predisposti severi servizi controllo

Si è svolta, in videoconferenza, nella mattinata di oggi presieduta dal Prefetto Emilio Dario Sensi, la riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, nel corso della quale sono state esaminate le misure di contrasto alla diffusione dell’epidemia, al fine di disporre in maniera sempre più efficace i servizi di controllo del territorio per consentire la rigorosa osservanza delle prescrizioni previste per la zona rossa in cui sarà collocata anche la Regione Umbria, durante le prossime Festività Pasquali.

  • Presenti all’incontro i Vertici delle Forze dell’Ordine, i Dirigenti della Polizia Ferroviaria e della Polizia Stradale, i Sindaci dei Comuni di Terni, Orvieto e Ameliaed il rappresentante della Provincia di Terni.
© Protetto da Copyright DMCA

Nel corso della seduta di Comitato, è stato sottolineato come il passaggio in fascia rossa imponga significative e più stringenti limitazioni alla mobilità dei cittadini, consentita solo per i casi giustificativi ammessi dalle disposizioni governative (lavoro, salute e necessità). In attuazione della recente direttiva ministeriale in materia, si è quindi disposta l’intensificazione in maniera mirata dell”attività di vigilanza e controllo sul rispetto delle norme anti Covid-19, con particolare riguardo alle aree urbane o extraurbane più sensibili, potenzialmente interessate da fenomeni di assembramento, in corrispondenza delle giornate festive e prefestive. È stato altresì assicurato anche il supporto collaborativo delle Polizie Locali per eventuali criticità che dovessero insorgere nei territori di competenza.

  • Analoghi servizi di controllo saranno effettuati presso i principali snodi ferroviari, la rete autostradale e le arterie extraurbane principali interessati da eventuali spostamenti.

Il Prefettoha poi sottoposto al tavolounulteriore argomento relativoall’incontro calcistico Terni-Avellino che sarà disputato il prossimo sabato 3 aprile, con possibile promozione matematica in serie B della squadra padrona di casa in caso di vittoria. Valutato come concreto il rischio per gli eventuali festeggiamenti della tifoseria ternana in un momento assai delicato qual è quello attuale caratterizzato dall’emergenza sanitaria ancora in atto e dalla vigenza dei divieti di assembramento e di spostamento, è stata disposta un’intensificazione dei controlli nelle principali piazze della città ed in prossimità dello stadio comunale. È stato altresì sottolineato come l’azione di controllo messa in campo non possa essere disgiunta dal senso di responsabilità diffusa di tutti, come rispetto per sé stessi e per gli altri, che si concretizza nell’osservare le regole comportamentali fondamentali, quali uso corretto dei dispositivi di protezione, del distanziamento interpersonale evitando assembramenti e rispettando le disposizioni governative che, pur stringenti, sono poste a presidio della tutela della salute collettiva. Del resto l’attuale contingenza di grave emergenza non consente di celebrare festeggiamenti per un evento sportivo, benché tanto atteso, che potranno essere auspicabilmentesoltanto differiti ad un successivo momento, allorquando le condizioni sanitarie lo consentiranno.

A tal riguardo il Prefetto, pur comprendendo il grande sacrifico cui sono chiamati i tifosi ternani, “confida, ancora una volta, nel loro grande senso civicoedi appartenenza alla comunità, auspicando l’astensione da azioni vietate che possano compromettere gli sforzi finora profusi per il contenimento del contagio in questo territorio”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*