Sottosegretario Candiani e la madre aggrediti da alcuni truffatori

 
Chiama o scrivi in redazione


Sottosegretario Candiani e la madre aggrediti da alcuni truffatori

Sottosegretario Candiani e la madre aggrediti da alcuni truffatori

La madre di Stefano Candiani, il sottosegretario agli Interni, è stata aggredita da alcuni truffatori che facevano il gioco delle tre campanelle a Bologna, tra gli stand di una rassegna sulla cosmesi. Con la donna c’era anche il sottosegretario.

L’episodio è accaduto sabato 16 marzo, mentre si trovata tra gli stand del Cosmoprof, la fiera di Bologna del mondo della cosmesi in cui opera da oltre 40 anni l’azienda di famiglia.

Due macedoni (40 e 56 anni) sono stati denunciati per violenza privata e lesioni personali. Hanno anche ricevuto il provvedimento di espulsione con accompagnamento in frontiera, in quanto irregolari. Per gli altri tre, un romeno e due macedoni, è scattato l’ordine di allontanamento. A causare l’aggressione da parte di un gruppo di esteuropei, la minaccia di Candiani, smartphone alla mano, di chiamare la Polizia.

Appena si è accorta di essere ripresa, la cricca si è scagliata su Candiani e la madre, iniziando a strattonare il politico leghista nel tentativo di toglierli il cellulare. Nel parapiglia, anche la madre di Candiani è stata colpita, finendo a terra dove ha sbattuto la testa

Cinque giorni di prognosi per lui e 10, con trauma cranico, per la madre 74enne. Successivamente la Polizia ha individuato il gruppo, composto da cinque persone.

L’intervento della Polizia e i filmati hanno permesso di identificare i cinque colpevoli. Al sottosegretario decine di attestati di solidarietà tra cui quello della Lega dell’Umbria.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*