Sergio Sottani, Procuratore generale, obiettivo è lavorare di squadra

Tra priorità nuovo pg anche problema edilizia giudiziaria

 
Chiama o scrivi in redazione


Sergio Sottani, Procuratore generale, obiettivo è lavorare di squadra
cronacheancona.it

Sergio Sottani, Procuratore generale, obiettivo è lavorare di squadra

Ha sottolineato l” obiettivo di lavorare “di squadra, con i procuratori, con il personale amministrativo, una componente essenziale che purtroppo in Umbria come in altre regioni manca, e dialogando con l” avvocatura” il nuovo procuratore generale di Perugia, Sergio Sottani, nel giorno in cui ha preso possesso del nuovo incarico.

Il pg, ha incontrato i giornalisti in una conferenza online dicendosi “molto felice” del suo ritorno nel capoluogo umbro. Tra le criticità sulle quali si è detto pronto a lavorare il nuovo procuratore generale ha citato il problema dell” edilizia giudiziaria.

Il Covid – ha spiegato Sottani – ha fatto vedere la difficoltà che esiste negli uffici pubblici in generale e in quelli giudiziari. Cercherò di capire quale è la situazione dell” edilizia giudiziaria nella regione, cercando di trovare soluzioni che siano il più possibile ecocompatibili e, dal punto di vista informatico, che consentano la circolazione dei fascicoli e non delle persone. La presenza delle persone è necessaria, indispensabile, per i processi ma per tutto quello che riguarda gli atti spero ci sia un grossissimo salto di qualità con l” informatica“.

Sottani ha ricordato come quello della cittadella giudiziaria a Perugia è un tema di cui si dibatteva anche quando lui rivestiva il ruolo di sostituto procuratore nel capoluogo umbro.

“Mi ricordo bene – ha detto – che se ne parlava già dal 2001-2002. Io credo che sia una esigenza impellente. Mi ricordo che anche quando ci fu l” inaugurazione degli uffici del Tribunale e tutti notammo come le aule di udienza non erano proprio consone, tanto è vero che mi ricordo come i processi più impegnativi venivano fatti nella Sala Affreschi.

  • Non so se ci riusciremo ma certo sarà una delle priorità perché sicuramente l” edilizia giudiziaria è fondamentale”. Per Sottani “la comunicazione è fondamentale.

“E non è solo quella dei singoli processi – ha aggiunto – ma nel rendere conto della nostra attività si riesce ad evidenziare tante notevoli professionalità non solo a livello di magistratura ma anche di personale amministrativo che lavora tutti i giorni. Questo – ha concluso Sottani – è il nostro compito, sapere comunicare la giustizia”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*