Scoperta banda protagonista di numerosi raid in Umbria 📸 FOTO

 
Chiama o scrivi in redazione




Scoperta banda protagonista di numerosi raid in Umbria

Scoperta banda protagonista di numerosi raid in Umbria, presso capannoni industriali, attività commerciali, ristoranti, palestre, scuole. In tutto 68 colpi – 66 in provincia di Terni e 2 in quella di Potenza – per un valore della refurtiva di circa 300 mila euro. In un arco temporale compreso fra il 22 dicembre 2020 e la fine di marzo 2021.

Tre gli arresti per furto aggravato in concorso – tutti relativi a cittadini romeni residenti nel campo nomadi ‘Gianturco’ di Napoli – disposti dal gip di Terni Simona Tordelli, due dei quali eseguiti dagli investigatori ternani. Un terzo soggetto è latitante.

I dettagli sono stati illustrati in conferenza stampa dal procuratore Alberto Liguori, dal sostituto Camilla Coraggio, dal questore Bruno Failla e dal dirigente della squadra Mobile Davide Caldarozzi. Presente anche l’assistente capo Gianni Pompei.

I destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere sono uomini di 27, 25 e 35 anni. Il primo è stato arrestato venerdì sera, in collaborazione con la squadra Mobile napoletana, al campo nomadi ‘Gianturco’, il secondo è stato arrestato mercoledì mattina a Ventimiglia ed il terzo è al momento latitante.

Decisive sì le immagini delle telecamere di sicurezza, ma anche i tabulati telefonici. I furti in Umbria sono stati compiuti a Terni, Amelia, Narni, Orvieto e Fabro. In quest’ultima, oltre a cosmetici, computer, televisori, sono state asportate anche 93 bottiglie di vini pregiati per un valore complessivo di 35 mila euro. Ad Amelia, nel febbraio scorso, 3 furgoni, 1 tablet e materiale vario per un importo complessivo di 42 mila euro. Ad Orvieto, il valore della merce ha superato i 100 mila euro. Ad Amelia è stata colpita anche una scuola primaria. Gli investigatori, dalle immagini, hanno notato che molto spesso i tre utilizzavano gli stessi vestiti, portando all’individuazione e all’identificazione dei tre.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*