Questore chiude parrucchieria, gestore recidivo se ne infischiava dell’anticovid

 
Chiama o scrivi in redazione


Questore chiude parrucchieria, gestore recidivo se ne infischiava dell’anticovid

Continuano i controlli che la Questura di Perugia mette in atto al fine di garantire il rispetto delle normative atte al contenimento della diffusione covid-19. Nella giornata di ieri, una Squadra della Divisione di Polizia Amministrativa, Sociale e dell’Immigrazione, diretta dal Primo Dirigente dr.ssa Maria Olivieri, della Questura di Perugia, ha sanzionato il titolare di un negozio di parrucchieri del capoluogo umbro avendo accertato che un dipendente stava tagliando i capelli ad una cliente non indicato sull’apposito registro delle annotazioni dove dovrebbero essere annotati e conservati, per 14 giorni, i nominativi della clientela.

  • già controllato e sanzionato qualche settimana prima

Sebbene il negozio fosse stato già controllato e sanzionato qualche settimana prima per i medesimi motivi, gli agenti nell’eseguire un successivo controllo atto a verificare se il titolare si fosse adeguato alla normativa suddetta, hanno accertato che il gestore del negozio continuava a disattendere quanto previsto dalla legge.

E’ stata quindi disposta la chiusura per 5 giorni dell’esercizio finalizzata ad impedire la prosecuzione delle violazioni, oltre alla contestazione della sanzione amministrativa per importi che vanno da 400 Euro a 3.000 Euro.
Polizia di Stato, Italiana
Polizia di Stato
  • azione preventiva posta in essere dalle forze dell’ordine

L’attività rientra nell’ambito dell’azione preventiva posta in essere dalle forze dell’ordine sull’intero territorio della Provincia, al fine di evitare nuove impennate della curva epidemiologica da Covid 19 e vuole favorire la sensibilizzazione al rispetto delle misure.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*