Pericolo strada Rancolfo Valcaprara, Comune Perugia intervenga immediatamente

 
Chiama o scrivi in redazione


Pericolo strada Rancolfo Valcaprara, Comune Perugia intervenga immediatamente

In localita’ Rancolfo, e’ presente un invaso con sbarramento di ritenuta, ad uso irriguo, alimentato da una piccola diga superiore. L’impianto  e’ di proprietà della Comunità Montana – Associazione dei Comuni del Trasimeno e Medio Tevere ; nella parte soprastante l’invaso vi è la Strada comunale di Rancolfo Valcaprara interessata da un forte dissesto che ha creato una situazione di pericolo per la circolazione.

Ho presentato questa mattina un’interrogazione per chiedere a Sindaco e Giunta quali interventi si intendono realizzare per ripristinare le condizioni di sicurezza stradale ed  la relativa tempistica.

  • Se si e’ a conoscenza di quali interventi per la messa in sicurezza e l’adeguamento normativo   verranno realizzati nell’area dell’invaso.

Da molti anni la zona è attenzionata in quanto interessata da un evidente dissesto idrogeologico.

Il Comune di Perugia in data 18 novembre 2020 ha emesso un ‘ordinanza, grazie alla Prefettura che ha più volte scritto al Comune e alla Regione per chiedere conto  circa la messa in sicurezza dell’invaso.

Nell’ordinanza  comunale è riportata puntualmente quanto comunicato dalla Regione, è stato pertanto ordinato al proprietario di svuotare completamente e lentamente, disattivando l’adduzione dalla piccola diga superiore che lo alimenta.

  • Ad oggi l’invaso risulta pressoché svuotato

Le condizioni della strada comunale evidenziano invece  un importate dissesto e una situazione di pericolo, che ha comportato il  restringimento della carreggiata mediante apposizione  di transenne e nastro segnaletico, opera provvisionale però poco adeguata, visto che le transenne risultano divelte.

È necessario che il Comune intervenga immediatamente, affinché si possa riaprire, ad interventi fatti, la viabilità a doppio senso di marcia. /

Gruppo Partito Democratico

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*