Nonostante il calo dei contagi continuano i controlli a Fontivegge

 
Chiama o scrivi in redazione


Nonostante il calo dei contagi continuano i controlli delle Forze dell'Ordine

Nonostante il calo dei contagi continuano i controlli a Fontivegge

Questa è la strategia che le Forze dell’Ordine stanno mettendo in pratica nonostante il rallentamento dei contagi nella Provincia di Perugia, con particolare riferimento alle stazioni ferroviarie, ove, soprattutto nei primi periodi di entrata in vigore delle misure restrittive imposte dall’emergenza coronavirus, si erano registrati alcuni assembramenti di persone.

In questa ottica, anche nella mattinata odierna, nell’ambito delle attività disposte con l’ordinanza emanata dal Questore dr. Antonio SBORDONE, si sono svolti i controlli interforze con la partecipazione degli operatori della Polizia di Stato e dell’Arma dei Carabinieri presso la stazione ferroviaria di Fontivegge, sia riguardo alla presenza di possibili ritrovi di persone che nei confronti dei viaggiatori in arrivo e/o in partenza per il tramite dei convogli ferroviari.

A testimonianza dell’efficacia della continua operazione di controllo intrapresa dalle Forze dell’Ordine, sia nella mattinata odierna, che oramai da diversi giorni, non pervengono più segnalazioni inerenti la presenza di assembramenti nei pressi del suddetto scalo ferroviario.

Inoltre, nonostante gli operatori abbiano sottoposto a controllo numerosi viaggiatori, non si sono riscontrate irregolarità nelle motivazioni adducenti gli spostamenti sul territorio.

“Siamo molto soddisfatti dei risultati ottenuti nella zona della Stazione in termini di sicurezza e di controllo del territorio” ha affermato il Questore, “Siamo molto soddisfatti anche perché sono risultati raggiunti grazie al lavoro sinergico tra tutte le Forze di Polizia. Adesso l’obiettivo sarà quello di mantenere gli stessi standard di sicurezza nel prossimo futuro, quando ci si avvierà alla cosiddetta fase 2. E’ un obiettivo ambizioso ma faremo di tutto per raggiungerlo”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*