Miss Lato B, concorso in discoteca, ed è polemica sul web e non solo

Ne parlano giornali, radio, web, arrivata alla ottava edizione… MISS CULETTO 2018 venerdì 17 Agosto, appuntamento al prossimo anno quindi, ma la vela mettetela altrove

Miss Lato B, concorso in discoteca, ed è polemica sul web e non solo

«Il sessismo è il risultato di una equazione sbagliata, donna = oggetto, l’ostentazione del corpo femminile e le allusioni sessuali offendono tutti». Sono le parole di Emma Pavanelli, Movimento 5 Stelle, che commenta, amara la pubblicità fatta ad un concorso che si è svolto venerdì scorso un una nota discoteca del Lago Trasimeno.

Roberto Biselli

«Bellissime ragazze – c’è scritto sulla pagina Facebook della discoteca – si esibiranno tra le grida e gli applausi della folla che decreterà la vincitrice… Per l’occasione ci sarà un Super Ospite, Alberto Mezzetti, vincitore dell’ultima edizione del grande fratello, carismatico, amato da tutte le donne… L’appuntamento estivo da non perdere…».

Come dire, la pubblicità è l’anima del commercio. Il problema sta proprio in questo, nel come e nel dove si fa la pubblicità. Sì perché, nel caso in questione, la vela “adornata“, con tanto di Lato B (Culetto d’Oro) e infoline e nome dell’attrazione della serata, è stata posizionata proprio nei pressi della rotatoria dell’ospedale Santa Maria della Misericordia.

Vorremmo ricordare a chi decide e dispone che i nosocomi non sono case vacanza, i reparti di ospedale non sono i “bagni da Giorgio“, sono, invece, luoghi di sofferenza, di dolore, di tristezza e spesso di morte. Sì è vero, è anche luogo dove fanno i miracoli, ma non è area, quella dato che è purtroppo frequentatissima, dove esporre – sicuri di essere visti – un lato B per promuovere la serata.

«Su questo – dice il maestro di teatro, Roberto Biselli – sarebbe da capire come la pensa chi sta nella stanza del bottoni. Io, appena vista la vela, l’ho fotografata».

La serata, in quel locale, è stata “allietata” da tanto di cena in ristorante e in pizzeria. Tutto a buon “mercato”, “solo” otto euro. Ah, ovvio no, Roberto Biselli è stato subito tacciato di essere un “carvernicolo” e su un gruppo lo hanno sostenuto e attaccato. No guardate, a scanso di essere fraintesi, nessun “bacchettonismo” e neanche accuse ai gestori del locale che, s’intende, possono fare ciò che vogliono. Né si vuole essere trampolino di lancio per acrobazie di tipo “femministico”. Vogliamo solo ricordare che una vela con un cu…, pardon “Lato B”, davanti all’ospedale non va messa.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*