Incidente sulla Flaminia, malore, colpo di sonno o velocità elevata? Indagini in corso

Incidente sulla Flaminia, malore, colpo di sonno o velocità elevata? Indagini in corso

Incidente sulla Flaminia, malore, colpo di sonno o velocità elevata? Indagini in corso. Un malore, ma anche un colpo di sonno oppure la velocità elevata. Su queste ipotesi stanno indagando le forze dell’ordine. Nel’incidente di ieri mattina, intorno alle 5,15/5,30 sulla nuova Flaminia al Km 188,5, tra gli svincoli di Cerqueto e Gualdo nord-San Pellegrino, hanno perso la vita tre persone. Una Fiat Panda che procedeva in direzione Nord, una Fiat 500 che viaggiava in direzione contraria.

La Fiat Panda, sulla quale viaggiavano Daniele Spigarelli, 44 anni, di Cerqueto di Gualdo Tadino ed Enrico Rossi, 50 anni di Casacastalda, si è incendiata. Daniele Spigarelli è morto nel rogo mentre Enrico Rossi sembra sia stato sbalzato fuori dall’abitacolo. La 500 si è cappottata e si accartocciata nella parte anteriore e Paolo Trotta il conducente della provincia di Cosenza, è stato schiacciato dalle lamiere. Il conducente di una delle due auto ha perso il controllo del proprio mezzo. Tutti e tre stavano andando a lavorare.

LEGGI ANCHE: Non si può morire per andare lavoro

Spigarelli e Rossi lavoravano entrambi alla Faber di Sassoferrato nel reparto magazzino-spedizioni. Lavoravano insieme, facevano gli stessi turni e di conseguenza condividevano il viaggio sia per farsi compagnia che per dividere le spese. Paolo Trotta lavorava in un’azienda del territorio impegnata in lavori per le Ferrovie dello Stato. Sembra ci sia un testimone oculare. Non c’era nebbia, quindi la visibilità era ottimale. Nel punto di impatto la strada è caratterizzata da un rettilineo ed il manto stradale è in perfetto stato, senza alcuna buca.

LEGGI ANCHE: Schianto frontale, Gualdo Tadino, tre morti, persona carbonizzata [Foto e video]

Sul luogo dell’incidente sono intervenuti il 118, i carabinieri, la polizia stradale, i vigili del fuoco del distaccamento di Gaifana e della centrale di Madonna Alta. I rilevamenti sono stati effettuati dalla polizia stradale di Perugia. La carreggiata è stata chiusa al traffico fino alle 11 circa per consentire l’intervento dei mezzi di soccorso. Le salme delle vittime sono state composte presso l’obitorio dell’ospedale di Gubbio-Gualdo Tadino a Branca. Sul luogo dell’incidente si è recato anche il sindaco di Gualdo Massimiliano Presciutti.

>>> IL VIDEO <<<

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*